24 C
Torino
venerdì, 19 Luglio 2024

Lo Russo (PD): “Le scuse di Appendino? Meglio tardi che mai”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Meglio tardi che mai. Il primo commento che arriva dal mondo politico dopo le scuse di Chiara Appendino è di Stefano Lo Russo. Il capogruppo del Partito Democratico le aveva chieste il lunedì dopo gli incidenti di Piazza San Carlo, in Sala Rossa.
«Ecco brava, ci è voluta una intera settimana, il fatto che tutti le chiedessero, l’avvio di un’inchiesta penale e la costituzione di una commissione di indagine comunale», dice Lo Russo.
«E soprattutto “l’incazzatura” – aggiunge – delle migliaia di feriti coinvolti e lo sdegno dell’intera Città per una sindaca che di fronte alle difficoltà scarica le responsabilità su altri (Turismo Torino) e scappa, dimostrando una codardia e una coda di paglia davvero sospette».
Poi continua il capogruppo Pd: «Comunque meglio tardi che mai. Del resto, come dice nella sua lettera a sua giustificazione sostiene che non ha proprio avuto tempo di chiedere scusa. Si sa, un sindaco è molto impegnato e ha altre priorità. Vabbè».
Infine l’esponente Dem si rivolge direttamente alla prima cittadina: «adesso sindaca Appendino ci aspettiamo che sia conseguente e, qualora emergessero responsabilità relative a negligenze o imperizia sua o di suoi collaboratori faccia quello che in tutti i Paesi civili si dovrebbe fare: essere conseguente davvero».
«Ci crediamo poco, abbiamo una strana sensazione che si voglia insabbiare, dimenticare e soprattutto far dimenticare il prima possibile, ma speriamo di venire smentiti. Almeno stavolta», conclude Lo Russo.

Articolo precedente
Articolo successivo
- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano