18.1 C
Torino
lunedì, 15 Luglio 2024

Letta: “Presto nuovo patto di coalizione”. Renzi: “La batteria del governo è scarica”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Matteo Renzi lancia il suo aut aut, e lo fa dal palco dell’assemblea deI deputati Pd che doveva essere dedicata alla legge elettorale: «La batteria del governo è scarica, dobbiamo decidere se va ricaricata o cambiata». Sembra insomma farsi strada l’idea di una staffetta Letta-Renzi anche se in queste ore nulla sembra essere sicuro.
Dal canto suo il presidente del Consiglio, che questa mattina si è incontrato con il capo dello Stato Giorgio Napolitano per discutere di questioni urgenti del governo prima che questi partisse per il Portogallo, promette un rapido cambiamento della situazione.
«Nelle prossime ore presenterò la mia proposta di patto di coalizione alle forze politiche che sostengono il governo – ha affermato Enrico Letta durante la visita ai cantieri dell’Expo di Milano – E sarà una proposta molto concentrata sui temi economici». Il documento, sostiene il premier, risulterà convincente per tutti i partiti di governo, soprattutto per il suo, il Pd.
Nel frattempo giungono anche le prime reazioni da parte delle altre forze politiche. Alfano, a margine di un incontro a Latina, ha lanciato un avvertimento al Pd e, velatamente, al suo segretario. «Il Pd dica con chiarezza se intende continuare a sostenere il governo Letta o meno – ha commentato infatti il leader di Ncd – Se il Pd non dà un’appassionata e sincera disponibilità a rilanciare l’azione di questo governo, la situazione si complica».
Chiede invece espressamente un passo indietro da parte di Enrico Letta, Andrea Romano, capogruppo di Scelta civica alla Camera: «Enrico Letta – ha affermato Romano ai microfoni di Sky tg24 – è uomo di grande esperienza e sensibilità istituzionale. Sono sicuro che lui per primo comprenda l’esigenza di voltare pagina davvero, aprendo una nuova fase della storia politica di questo paese e arrivando rapidamente ad un nuovo governo che sia guidato anche da un’altra personalità». Al presidente del Consiglio, dunque, secondo il capogruppo di Sc, non resterebbe altro che porre fine al suo mandato in un atto supremo di responsabilità.
In attesa delle prossime mosse, tuttavia, resta spazio solo per il totoscommesse.
Alessandra Del Zotto

©RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano