25.2 C
Torino
martedì, 23 Luglio 2024

Le opposizioni a Cirio: Ora basta, si trovi un nuovo Covid Hospital

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

“A seguito della proclamazione dell’emergenza si può passare a uno ‘stato d’eccezione’ che è in grado di limitare alcune nostre libertà fondamentali; sta accadendo purtroppo in queste ore, con il nuovo lockdown che si abbatterà sulle nostre vite nelle prossime ore. Perché non possiamo utilizzare lo stesso stato d’eccezione per fare valere l’interesse pubblico e destinare strutture private ma vuote a nuovi Covid hospital torinese?”si chiedono i capigruppo di opposizione in Regione Piemonte.

“Serve un nuovo Covid hospital e serve presto – proseguono Gallo, Giaccone, Grimaldi e Magliano – l’aver smantellato in fretta e furia le OGR senza una vera alternativa non è stata una mossa intelligente, come non lo è stata individuare l’oftalmico (per la solo sub-intensiva): l’avevamo già segnalato all’Assessore Icardi quasi tre settimane fa durante un question time”.

“In questa fase chiediamo alla Giunta di lasciar da parte l’orgoglio e tornare sui propri passi: nel pieno dell’emergenza sanitaria, se non ci sono altri luoghi pubblici idonei è meglio una piccola figuraccia, tornando alle OGR, chiedendo gratuitamente il Lingotto (pagando le spese vive) o altri luoghi privati idonei. Tutto e meglio di ripiegare su una scelta, quella del parcheggio sotterraneo fuori da Torino Esposizioni, che non ha impianti di riscaldamento idonei ad una pandemia, che in caso d’incendio renderebbe quel luogo un inferno e che mostra problemi logistici non facilmente né velocemente risolvibili”.

“Quando affermiamo che la sanità piemontese è arrivata impreparata alla seconda ondata finendone travolta – concludono i capigruppo di Partito Democratico, Liberi Uguali Verdi, Moderati e Lista Chiamparino per il Piemonte – intendiamo proprio questo tipo di circostanze. Il centro sinistra in Consiglio regionale non ha nessuna voglia di passare il lockdown a fare polemiche, vogliamo invece utilizzare questo tempo per proporre le strade migliori per uscire dalla zona rossa e dal pantano in cui Cirio e la Lega ci hanno messi. Se loro non riescono a gestire la sanità della nostra Citta, invece di lamentarsi, chiedano al Ministero di mandare un commissario capace di gestire meglio di quanto stiano facendo la seconda ondata della Pandemia: una sola vita vale più delle polemiche di questa Giunta”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano