20.9 C
Torino
sabato, 30 Maggio 2020

Le madamin rispondono alle donne No Tav: “Piazza non è luogo di confronto”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuovasocietà. Caporedattore dal 2017. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano.

La piazza non è un luogo di confronto per le madamin. Già, proprio loro, le organizzatrici della grande manifestazione di Si, Torino va avanti, che il 10 novembre ha portato in piazza tanti torinesi per esprimere il loro dissenso all’amministrazione Appendino, preferiscono un luogo diverso per confrontarsi con i No Tav.
E’ questa la risposta che le sette imprenditrici danno al Movimento contro la Torino-Lione che ieri nel corso di una conferenza stampa tenuta dalla donne No Tav le ha invitate alla loro manifestazione di sabato 8 dicembre per un confronto. «Riteniamo che, se davvero si vuole un confronto, bisogna trovare un contesto appropriato – non certo una manifestazione di piazza -, in cui poter presentare e discutere opinioni diverse con equilibrio e serenità» scrivono.
«Ci pare che il movimento NoTav in tutti questi anni non sia stato così disponibile a confrontarsi con chi la pensava diversamente. Forse questa apertura al dibattito è un risultato della piazza del 10 novembre e ribadiamo la nostra disponibilità al dialogo» proseguono le madamin, rispondendo alla sindaca di San Didero Loredana Bellone che aveva dichiarato come non tutte le donne si rispecchiano nel Si alla Tav: «Al sindaco di San Didero, che vanta una trentennale militanza contro la TAV, invieremo il nostro MANIFESTO DEI SÌ per il rilancio di Torino e del Piemonte. Vedrà che le sfide da affrontare sono molte e collegate fra loro. Le principali riguardano il lavoro di ce l’ha, di chi l’ha perso e dei giovani che lo cercano, soprattutto in una grande area urbana industriale da tempo in sofferenza».
Le sette donne dell’Onda, come hanno ribattezzato il movimento nato dalla loro iniziativa, hanno anche precisato che quella della Torino-Lione è solo una tra tante cause che loro sostengono: «Più che semplicemente favorevoli alla TAV, siamo un gruppo di persone che si riconosce nel manifesto “Sì Torino va avanti”, con decine di migliaia di adesioni di cittadini, categorie produttive, professionali, sindacati, docenti universitari, studenti».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Ripresa perchè non porta la mascherina sul bus, sassate all’autista Gtt

Un'aggressione con una vera e propria escalation di violenza quella subita da una autista di Gtt questa mattina, all'altezza di corso Lecce. 

Teatro Regio, la prima vittima “con” Coronavirus

Molto spesso abbiamo sentito in questi mesi due differenti espressioni riferite al Covid: il paziente è morto “per” il coronavirus oppure “con”...

Stretta di Appendino sulla movida: le nuove regole valide fino al 6 giugno

La sindaca Chiara Appendino prova a mettere un freno alla movida visto le folle che hanno gremito locali e piazze della città...

Piazza San Carlo: chiesta conferma condanna per banda dello spray: “Rapina causa primaria di quanto avvenuto dopo”

Il pg di Torino Elena Daloiso ha chiesto la conferma della condanna di primo grado a 10 anni per tre dei quattro...

Coronavirus, in Piemonte 56 contagi

Oggi l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che i pazienti virologicamente guariti, cioè risultati negativi ai due test di verifica...