24.9 C
Torino
sabato, 13 Luglio 2024

“Lavorare in Australia: Guida ai Requisiti e Documenti Necessari”

Più letti

Nuova Società - sponsor

Come lavorare in Australia: requisiti e documenti necessari

L’Australia per molti è una meta ambita dove trasferirsi, grazie a una economia robusta e una ricca varietà di opportunità lavorative. Per trasformare questo sogno in realtà diventa tuttavia fondamentale comprendere i requisiti necessari per accedere al mercato del lavoro australiano senza incorrere in problematiche. 

Iniziamo con il dire che sebbene non sia un requisito formale, la scelta della città in cui lavorare è cruciale per chi intende trasferirsi in Australia. Ogni città ha le sue caratteristiche e opportunità, pertanto, conoscere il proprio settore di interesse aiuterà a stabilire quali sono le città più ragionevolmente vicino alle proprie esigenze.

Quali sono i documenti per lavorare in Australia legalmente

Il primo passo fondamentale è ottenere un visto australiano. Anche se alcune nazionalità sono esentate dal visto turistico, un visto specifico per lavoro è sempre necessario. Esistono diversi tipi di visti, ognuno con condizioni diverse:

  • Visto per studenti: Permette di studiare e lavorare a tempo parziale mentre si frequenta un corso. È una delle opzioni più accessibili.
  • Visto Working Holiday: Offre l’opportunità di lavorare in Australia per un anno, estendibile a due.
  • Visto Work & Holiday: Disponibile solo per cittadini di alcuni Paesi, consente di lavorare a tempo pieno e studiare nel tempo libero.
  • Visto temporaneo per laureati: Dopo aver completato gli studi in Australia, si può ottenere un visto che permette di lavorare per 3-5 anni.
  • Visto sponsorizzato: Questo visto può essere ottenuto attraverso il datore di lavoro e permette di lavorare in Australia per due anni.

Questi sono i visti più facilmente ottenibili e alcuni, soprattutto il visto sponsorizzato, possono essere rinnovati alla scadenza.

Per lavorare legalmente, è necessario ottenere un TFN se si lavora per un datore di lavoro o un ABN se si è lavoratori autonomi. Questi numeri sono essenziali per le questioni fiscali e possono essere richiesti online attraverso il sito ufficiale del governo australiano. Un altro requisito essenziale è una conoscenza almeno base della lingua inglese.

TFN e ABN: cosa sono?

Il TFN (Tax File Number) e l’ABN (Australian Business Number) sono due numeri identificativi essenziali per gli individui e le imprese che operano in Australia dal punto di vista fiscale. Il Tax File Number è un numero univoco assegnato dall’Australian Taxation Office (ATO) a scopo fiscale. È un requisito fondamentale per tutte le persone che lavorano o intendono lavorare in Australia, compresi i cittadini australiani e gli stranieri con un visto che consente di lavorare nel Paese.

Ecco alcuni punti importanti sul TFN:

  1. Utilizzo: Il TFN è utilizzato per identificare i contribuenti a fini fiscali. È richiesto per l’elaborazione di dichiarazioni fiscali, la presentazione delle imposte sul reddito e per altre transazioni fiscali.
  2. Richiesta: È possibile richiedere un TFN gratuitamente attraverso il sito web dell’ATO o presso un ufficio locale dell’ATO.
  3. Apertura di un Conto Bancario: La maggior parte delle banche australiane richiede un TFN per aprire un conto corrente bancario.
  4. Studenti Internazionali: Gli studenti internazionali che lavorano in Australia devono ottenere un TFN per garantire che le imposte vengano trattenute correttamente dal loro stipendio.

L’ABN, invece, è un numero di identificazione aziendale che viene emesso dall’ATO. È necessario per tutte le imprese e le attività commerciali che operano in Australia, inclusi lavoratori autonomi e imprese.

Ecco alcune informazioni chiave sull’ABN:

  1. Utilizzo: L’ABN è utilizzato per identificare un’azienda o un’attività commerciale a fini fiscali. Consente di registrare l’azienda per la tassazione e per altre questioni amministrative.
  2. Richiesta: È possibile richiedere un ABN gratuitamente attraverso il sito web dell’ATO.
  3. Lavoratori Autonomi: I lavoratori autonomi, come freelance o consulenti, devono avere un ABN per poter fornire servizi in modo legale.
  4. Responsabilità Fiscale: Avere un ABN significa che l’azienda è responsabile del pagamento delle imposte sui profitti e di altre obbligazioni fiscali.

Permessi di lavoro aggiuntivi

Alcuni settori, come l’edilizia o i lavori con bambini, richiedono permessi specifici. Ad esempio, nel settore edile, è necessario ottenere la White Card, mentre per lavorare con i bambini è richiesta la Blue Card. È sempre importante, prima di trasferirsi in Australia, consultare le fonti ufficiali e richiedere in modo specifico quali sono i requisiti da ottenere per poter lavorare liberamente.

Inoltre, è importante sapere che aprire un conto corrente bancario in Australia è essenziale per ricevere il salario dal datore di lavoro. Si consiglia di farlo online prima del viaggio, fornendo passaporto, visto e carta d’identità nazionale. 

Scegliere una ditta competente per il proprio trasloco in Australia

L’Australia è un paese con regole doganali precise e uniche, in questo caso può essere necessario prendere alcune precauzioni come:

  • Introdurre mobili perfettamente puliti;
  • Utilizzare bancali specificamente trattati per il trasporto.

Affidarsi a società di spedizioni che hanno già effettuato la tratta è uno dei modi più interessanti per risolvere i problemi logistici e ottenere tutti i permessi necessari per trasportare i propri oggetti di valore nella propria casa. Grazie a Bliss Moving è possibile ottenere un servizio “all inclusive” per traslocare in Australia con una società competente e capace di assicurare ogni bene.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano