12.2 C
Torino
lunedì, 27 Maggio 2024

L'arcivescovo Nosiglia denuncia: “Le baraccopoli dei rom non sono degne di Torino”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

L’arcivescovo di Torino Cesare Nosiglia ha visitato i due campi rom di Lungo Stura Lazio e corso Tazzoli, dove vivono duecento persone e ottantacinque bambini. Una visita che ha colpito Nosiglia che ha definito le baraccopoli dei luoghi «non degni di Torino».
Ma l’incontro era soprattutto con i bambini a cui il vescovo oltre a donare un quaderno e una scatola di pennarelli a simboleggiare l’importanza degli studi. «I bambini devono andare a scuola per crescere bene e avere un futuro nella società», ha spiegato l’arcivescovo torinese.
«Sono venuto qui anche quest’anno – ha continuato – per esprimere la mia solidarietà e vicinanza e per invitarvi ad avere speranza per il futuro perché qualcosa si sta muovendo nella nostra città per quanto vi riguarda. C’è una maggiore attenzione nei vostri confronti perché è giusto che abbiate condizioni di vita dignitosa».
L’arcivescovo, durante la visita, per la terza volta nel suo mandato pastorale torinese, era accompagnato dagli operatori che ogni giorno lavorano con i rom: quelli della Pastorale dei Migranti, la Cooperativa Valdocco, Aizo e i ragazzi dell’Associazione Terra del Fuoco.
«Capisco le vostre difficoltà – ha detto alle mamme del campo – per questo cerchiamo di fare pressione con le autorità affinché ci sia sempre maggiore collaborazione, ma voi dovete fare la vostra parte». Il riferimento è anche alla dispersione scolastica che per quanto riguarda i bambini di etnia rom è molto alta.
«La scuola è importante, crea integrazione, fa nascere amicizie ed è fondamentale per migliorare la propria vita. Va bene frequentare le elementari e le medie che sono la scuola di base, ma sarebbe bello che si potesse continuare anche con le scuole secondarie, professionali», ha concluso Nosiglia dopo la visita ai campi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano