12.9 C
Torino
mercoledì, 22 Maggio 2024

A Torino “rifiuti zero”: Appendino respinge le polemiche

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Bernardo Basilici Menini

La sindaca di Torino Chiara Appendino interviene sul tema dei rifiuti zero, uno dei punti storici del programma del Movimento 5 Stelle in tutta Italia: «Sono sette anni che è iniziata l’attività politica del Movimento 5 Stelle e sono sette anni che questa idea non è mai cambiata», comunica la sindaca attraverso il suo profilo Facebook.

«Oggi che siamo al governo di questa città abbiamo la possibilità di portarla avanti con politiche concrete. Per farlo, giunta, consiglieri e tecnici nominati nelle partecipate, si impegneranno ad attuare il nostro programma -prosegue- Insieme all’assessora all’Ambiente, Stefania Giannuzzi, ai consiglieri comunali, al presidente di Trm, Renato Boero, e al presidente dell’Amiat, Lorenzo Bagnacani, in ottemperanza alle indicazioni europee stiamo lavorando affinché la Città di Torino si avvii verso una forte riduzione dei rifiuti arrivando a superare in tempi utili il concetto di incenerimento»

«Il ragionamento è molto semplice -dice Chiara Appendino- meno rifiuti ci sono, meno se ne possono incenerire. All’interno di questo quadro un nodo importante è quello della gestione dei rifiuti per cui ci siamo riproposti l’aumento della quota di raccolta differenziata, la progressiva riduzione del rifiuto indifferenziato e l’introduzione di una tariffazione incentivante che si basa sul principio di chi più inquina, più paga».

«I miracoli non si fanno da subito ma da subito ognuno di noi può iniziare a impegnarsi per raggiungere questo obiettivo. Valgono sempre le quattro R: Riducete incarti e rifiuti inutili. Riutilizzate ciò che avete. Riparate ciò che rompete, avviate al Riciclo ciò che gettate. Per vedere cambiamenti il prima possibile dobbiamo agire tutti insieme, per il bene dell’ambiente, delle prossime generazioni, e anche del nostro portafoglio», conclude la prima cittadina.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano