20.9 C
Torino
domenica, 26 Maggio 2024

La Task force del Piemonte boccia l’App Immuni: “Da noi non serve”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Non verrà fatto nulla per incentivare i piemontesi all’uso dell’App Immuni, da pochi giorni disponibile per i download. Lo annuncia in un’intervista al Corriere della Sera l’ex ministro Ferruccio Fazio, a capo della Task force del Piemonte per la Fase 2. 

“Non riteniamo opportuno incentivare in Piemonte l’uso della app Immuni. Io ritengo che, da noi in Piemonte, non sia troppo utile visto che abbiamo messo in piedi un sistema di tracciamento dei contatti avanzato. E’ solo un alert” afferma Fazio.

E le sue parole trovano d’accordo anche Guido Giustetto, presidente dell’Ordine dei medici di Torino, e anche lui nella Task force: “Immuni rischia di creare falsi timori e una richiesta di tamponi non giustificata come i test sierologici. E’ utile come alert, non come sistema di tracciamento dei contatti che, oggi, in Piemonte, è veloce. Dalla segnalazione del sospetto al referto del tampone passano 48-72 ore”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano