25.9 C
Torino
venerdì, 3 Luglio 2020

La sindaca eccebombista

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Torino, scoppia la rivolta contro la polizia in corso Giulio. Quattro anarchici fermati (VIDEO)

Secondo gli anarchici si è trattato di un sopruso delle forze dell'ordine, mentre la polizia replica che il tutto sarebbe scoppiato per impedire l'arresto...
Marzio Dinamo
Marzio Dinamo
Esperto di comunicazione, grafica e marketing. Con passione per giornalismo, inchieste, cronaca e politica

Un altro pasticcio. La sindaca di Torino Chiara Appendino ne colleziona uno al giorno. Si va alla manifestazione No Tav dell’8 dicembre senza gonfalone. Ma la Città sarà presente con il suo vicesindaco, Guido Montanari, non nuovo a queste iniziative, con tanto di fascia tricolore, altri assessori sparsi, e forse tutti i consiglieri.
Tutti contenti, maggioranza a 5 Stelle e prima cittadina, per la mediazione raggiunta di stampo eccebombista – quella del ‘mi si nota di più se non vengo o se vengo e sto in disparte?’ -. Un po’ meno soprattutto opposizione e chi sta a guardare il precario equilibrismo di questa sindaca che non ha voluto urtare la sensibilità Si Tav, uscita allo scoperto con la manifestazione del 10 novembre in città.
Dal punto di vista di un osservatore esterno questa mossa vale zero. Vale il sì o il no, ma il ni non conta nulla. I democristiani erano maestri del rinvio, accumulando cartelline che non sarebbero mai state aperte sulle loro scrivanie. Ma quelli erano dei no. Garbati, ma inflessibili come Bartleby, il personaggio di Melville. Così è da apprezzare la posizione netta del sindaco di Livorno Filippo Nogarin, che, 5 Stelle anche lui, non si pone problemi di tenere buoni e quindi irritare i suoi cittadini. Lui la sua posizione l’ha sempre manifestata. E l’8 dicembre sarà in piazza a Torino, in modo chiaro e legittimo.
Ma l’oscura Chiara ha una responsabilità in più, perché riguardo alla Tav, è – la locuzione viene da sé – in prima linea. E non si dovrebbe mai vedere un ufficiale di prima linea che manda avanti le sue seconde linee. E invece va così, incapace di esporsi, snobbata dalle “madamin” Si Tav, respinte giustamente dal presidente della Repubblica, lui sì super partes, pur se, c’è da scommetterci, favorevole alla Tav, Appendino continua a nascondersi, a escogitare tattiche e a rimanere prigioniera del minuto per minuto. Uno di lotta e uno di governo, un giorno sul palco 5 Stelle con il Grillo dei vaffa, un giorno sindaca di tutti. O di nessuno.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Caso Ogr, Cirio: “Per martedì un incontro, troveremo soluzione”

A seguito delle polemiche sulla rilocazione del Covid Hospital inserito all'interno delle Officine Grandi Riparazioni,oggi Il il presidente della Regione Piemonte, Alberto...

Caso Ogr, Laus(PD): “E’ suicida l’idea di guardarle morire”

Il Senatore Mauro Laus del Partito Democratico chiede l'intervento di Regione e Comune per non lasciar morire le Officine Grandi Riparazioni, che...

Università Torino, stop borse di studio per gli “studenti violenti”

Niente borse di studio per gli universitari che sono considerati dei "violenti e facinorosi". Così è stato deciso da un provvedimento, definita...

Torino 2021, la Lega pronta a governare la città

La Lega torna in strada a Torino. Dopo i mesi di lockdown che hanno costretto allo stop delle iniziative sul territorio parte...

Prodi: “Non serve lo scontro generazionale per costruire un futuro su basi solide”

“E’ solo dalla proposta, dai contenuti che può nascere una classe dirigente. Il generico cambiamento non rinnova le cose”. Con la consueta...