24.9 C
Torino
sabato, 13 Luglio 2024

La pezza è peggio del buco

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Qualche giorno fa, confrontando la vecchia e la nuova amministrazione comunale, un noto commentatore delle vicende torinesi mi ha detto «almeno voi sapevate usare le forchette».

Ecco, la vicenda dell’auto di servizio che accompagna il vicesindaco parcheggiata in uno spazio riservato ai disabili mi ha fatto tornare in mente quella osservazione: prima di dimostrare se sanno ben governare la città ci hanno già fatto intendere che non sanno stare a tavola.

E la pezza, come sempre, è peggiore del buco.

Il fatto che il vicesindaco si sia affrettato a dare la colpa dell’accaduto all’autista comunicando che «non sono io il responsabile» conferma che non solo non sanno usare le forchette ma che nemmeno conoscono le buone maniere.

E lui dov’era? Non ha visto la evidente segnaletica orizzontale? Ma non lo sa che nella coscienza dei torinesi non c’è autista che tenga, urgenza che tenga, distrazione che tenga di fronte ad un posto riservato ai disabili? Il problema però è capire se si è trattato di uno scivolone (e a quel punto bastava semplicemente chiedere scusa) o se si tratta di qualcosa di diverso, di sistemico.

In cinque mesi abbiamo assistito ad un’assessora all’istruzione che si sarebbe fatta passare per madre single al fine di pagare di meno le prestazioni scolastiche, ad una consigliera che da anni non avrebbe pagato l’affitto della casa popolare e adesso nientemeno che al vicesindaco che non rispetta un divieto e poi dice «non guidavo io».

Questo dimostra che, per governare, l’intransigenza bisogna applicarla innanzitutto a se stessi.

E che adesso non si scateni la curva per difendere l’indifendibile. È capitato, i consiglieri di opposizione accorgendosene e segnalandolo hanno fatto il loro mestiere, i giornalisti raccontandolo pure. Sta al nuovo gruppo dirigente che ha la responsabilità di guidare (nel vero senso della parola) questa città capire che la forma è anche sostanza, che in quanto governanti ci si aspetta da loro un comportamento cristallino e che potrebbero incominciare, anziché a gridare al complotto e a comportarsi come capi ultras, a chiedere scusa e a rispettare le regole.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano