28.2 C
Torino
mercoledì, 24 Luglio 2024

"La Mogherini non conta un c…", multa europea per Buonanno

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Gianluca Buonanno è oramai una celebrità trash della politica piemontese, italiana ed europea. Con le sue trovate, spesso sopra le righe, si è fatto conoscere come nostrano rappresentante. Appena tornato dalla Libia, località dalla quale, via social network, ha raccontato il suo show “in prima linea” contro l’Isis, ha però ricevuto, sulla sua scrivania da parlamentare europeo della Lega Nord, una multa per le parole pronunciate prima del viaggio nell’ex colonia italiana.
Nell’ultima plenaria del Parlamento di Strasburgo, aveva duramente attaccato l’Alto rappresentante per gli affari esteri e la politica di sicurezza, Federica Mogherini: “Lei non conta un cazzo!”. La “critica” di Buonanno voleva essere relativa all’operato dell’Unione Europea nelle crisi in Libia e Ucraina. Un improperio indubbiamente rozzo, sanzionato con un’ammenda di circa 2128 euro dal presidente del Parlamento europeo, Martin Schulz.
Buonanno non ha mancato di protestare, rivolgendosi ancora all’Alto rappresentante: «Dovrebbe essere lei a pagare perché io sono andato in Libia al posto suo», specificando: «il suo unico problema è sapere che vestito mettersi». Nel frattempo, nonostante le sintesi grossolane di Buonanno, il cielo della Mogherini rimane oscuro, laddove, le voci di un suo commissariamento e depotenziamento si rincorrono e non trovano pace.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano