17.6 C
Torino
domenica, 14 Luglio 2024

La Lega Calcio vieta al Toro di andare a Superga il 4 maggio. Granata infuriati

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Moreno D’Angelo
Ogni 4 maggio il popolo granata commemora con passione e tanta partecipazione il Grande Torino.
A 65 anni della tragedia di Superga, in cui morirono tutti i componenti di quella memorabile squadra, i supporter granata sono infuriati con la Lega. Il motivo? Non ne vuole sapere di rinviare partita Chievo-Toro in programma proprio in quella giornata per loro tanto particolare.
Una data che è diventata negli anni una vera e propria occasione di incontro per tutte le anime dei tifo del Torino Calcio. Un modo di condividere orgoglio, appartenenza, vecchie glorie e il Grande Torino. Un ritrovarsi che è come un abbraccio che comprende varie componenti del tifo organizzato e persone di ogni età ed estrazione sociale innamorate da sempre del Toro.
Una manifestazione di affetto e passione di massa che ha avuto il suo peso anche nel sollecitare discorsi societari, oltre che sportivi, e che soprattutto ha avuto il suo peso nel sollecitare un impegno concreto delle istituzioni per dare un futuro allo storico Filadelfia, tempio delle gesta di Valentino Mazzola e compagni, lasciato per anni in uno stato di totale abbandono e mai abbandonato dai pasionari della Maratona.
Ritornando alla decisione della Lega è evidente che senza lo spostamento della partita per la squadra sarà impossibile partecipare alla salita al Santuario di Superga per la commemorazione.
I tifosi si accingono a scrivere una lettera alla segreteria della Lega Calcio in cui viene richiesto di ripensare alla decisione di negare lo spostamento della partita tra Chievo e Toro in programma proprio in corrispondenza della storica commemorazione.
In un campionato caratterizzato da orari “spezzatino” e calendari dove l’appuntamento domenicale a volte rimane solo per poche partite, non si capisce per quale motivo tale spostamento non possa essere concesso. Tanto più che Toro e Chievo non hanno particolari appuntamenti infrasettimanali di coppa che potevano in qualche modo giustificare una certa rigidità istituzionale.
L’esigenza morale e storica di tanti tifosi granata per una squadra che ha dato tanto al calcio italiano merita una riconsiderazione della decisione per la Lega.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano