25 C
Torino
mercoledì, 24 Luglio 2024

La Juve a Livorno cerca il colpaccio

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

La Juventus ha una grande occasione e non vuole sprecarla: contro il Livorno può infatti guadagnare tre punti importantissimi per agganciare e magari superare la Roma capolista. Specie visto che i giallorossi incontreranno il Cagliari, che si sono dimostrati in più occasioni una squadra tosta per chiunque.
Non sarà certamente un’impresa agevole nemmeno per gli uomini di Conte, perché la squadra di Nicola non ci sta a farsi usare da “cassa” per consegnare i famigerati tre punti, e si è preparata per fermare l’armata bianconera. Il tecnico salentino inoltre ha dovuto gestire la sosta nazionale, con i calciatori che sono arrivati in momenti diversi. Perché se è vero che solitamente la pausa serve a far rifiatare un po’ le squadre, recuperare gli infortunati e preparare meglio le sfide che seguono, per la Juve solitamente è tutto un altro paio di maniche: il gruppo di fatto si dimezza, con alcuni che devono affrontare anche voli transoceanici e possibili infortuni da gestire. Insomma, non proprio una manna per gli juventini.
Barzagli infatti, reduce dall’infortunio subìto con la Nazionale, non sarà disponibile per Livorno: «Qualcuno ha fatto ironia su questo stop – ha commentato Conte – ed è un peccato: si vede cattiveria nel leggere certe cose. Lui tiene fin troppo all’azzurro. Sarà difficile anche vederlo in Champions League. Non dimentichiamo che chi è infortunato ha poi bisogno di allenarsi, ci sono dei tempi da rispettare». E proprio questo apre scenari inaspettati: «Ho provato Vidal in difesa, sono sereno perché c’è un’organizzazione che regge all’eccezionalità dell’evento. È un momento particolare per le assenze in difesa: non sarà un alibi, è un motivo in più per fare bene».
«A Livorno troveremo un ambiente caldo – continua il tecnico bianconero – Hanno un allenatore giovane che ha dimostrato di essere bravo nel suo percorso, Nicola ha vinto il campionato di B lo scorso anno. L’andamento della Juve è impressionante, solo la marcia spedita della Roma sta offuscando quello che abbiamo fatto finora noi ed il Napoli. Quest’anno sarà difficile vincere il campionato, lo sappiamo».
«Per me quella bianconera è la migliore formazione che ci sia nel campionato italiano e Conte il più bravo allenatore in circolazione – è l’opinione di Davide Nicola sulla sfida – Dico anche che sarà bello e stimolante per noi misurarci con una realtà così importante, una macchina perfetta quale quella juventina. La Juve in assoluto ha qualcosa di più di tutte le altre nella continuità dell’espressione di gioco ed ha qualità in tutto. Dobbiamo pensare a come bloccarli, certo. Ma senza fossilizzarci su certe soluzioni perché magari prevedi delle cose e poi in campo succede altro».
Intanto il Livorno si stringe attorno al capitano Luci, che ha rivelato che il figlio di sei anni è affetto da una rarissima malattia genetica, la fibrodisplasia ossificante progressiva. La curva amaranto per l’occasione ha organizzato una raccolta fondi in favore dell’associazione “Fop Italia Onlus”, e all’interno dello stadio sarà esposto uno striscione di oltre 60 metri per dimostrare affetto e vicinanza al capitano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano