Tre incontri per ripercorrere storie, miti e personaggi della letteratura classica. Sono le iniziative organizzate dal Club di Cultura Classica di Torino in collaborazione con l’assessorato alla Cultura e la biblioteca Alda Merini.

Tre serate in cui in compagnia degli autori di altrettanti libri si verrà accompagnati alla rilettura e riflessione di momenti della classicità.

Si parte mercoledì 19 febbraio alle ore 18 con “Enea il Vilain”, di Massimo Manca, docente di letteratura latina all’Università di Torino, che rilegge la figura del protagonista dell’Eneide, dal pius eroe virgiliano fino ai giorni nostri: si parlerà infatti anche di Medioevo, imperialismo, migranti.

Mercoledì 18 marzo è il turno di Anna Ferrari e “Dormire, sognare. Sonno e sogni nella mitologia classica”. In questo caso il celebre verso shakespeariano conduce attraverso il tema del sonno e del sogno su cui filosofi e medici dell’antichità si sono sempre confrontati e interrogati. Da Ippocrate a Platone e Aristotele fino al Somnium Scipionis di Cicerone, a Erodoto.

Ultimo appuntamento mercoledì 22 aprile, con Annalisa Ambrosio e “Platone. Storia di un dolore che cambia il mondo”. Che ripercorre l’iter del pensatore greco quando ancora era solo Aristocle, un giovane studente che assistete all’uccisione del suo maestro, Sofocle. E in quel momento Platone decide di mettere per iscritto tutto quello che Socrate detto. Così inventa un genere filosofico, trova il suo modo di pensare, così getta le basi per il design del libro: lo strumento più incredibile che esista per tendere la mano al futuro e prolungare la nostra memoria.

Un’occasione che per l’amministrazione comunale e la vicesindaca Laura Adduce «rappresenta un modo per migliorare l’offerta culturale della Città».

I tre incontri sono ad ingresso gratuito e si svolgono presso la biblioteca Alda Merini in corso Susa 130.