13.2 C
Torino
mercoledì, 29 Maggio 2024

La Beltrame di San Didero chiude: a casa 310 lavoratori

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

È stata aperta la procedura di mobilità alla Beltrame di San Didero, in provincia di Torino. 310 lavoratori di questo stabilimento resteranno a casa. L’acciaieria aveva presentato un anno fa un piano industriale dove era prevista la chiusura della fabbrica della Val di Susa. E mentre quaranta operai avevano accettato di lasciare con l’incentivi della mobilità volontaria, il sindacato aveva ottenuto una proroga fino all’aprile 2014 della cassa integrazione. Non solo. Un tavolo per salvare il salvabile era stato aperto con la Regione Piemonte. Ora invece la Beltrame che ha sede a Vicenza e in Italia ha circa mille dipendenti chiuderà.
Per questo lunedì è previsto un presidio dei lavoratori davanti all’assessorato regionale del Lavoro. «Il nostro obiettivo è quello di ottenere un altro anno di cassa integrazione straordinaria», spiega Edi Lazzi della Cgil-Fiom.
«Chiediamo all’azienda – spiega Vincenzo Pepe della Uilm torinese – di mantenere gli impegni assunti. Il Piemonte non può perdere un settore strategico. La Regione sostenga un piano industriale credibile che preveda la continuità produttiva e la proroga della cassa integrazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano