18.2 C
Torino
giovedì, 18 Luglio 2024

Ivrea, lunedì l'autopsia sui resti del corpo di Florica Boicu

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

L’autopsia sui resti di Florica Boicu, la 31enne uccisa e tagliata in due verrà eseguita lunedì.
Il sostituto procuratore di Ivrea, Giuseppe Drammis, ha affidato l’incarico al medico legale Roberto Testi.
Dopo questo esame probabilmente arriveranno le prime risposte. Dopo il ritrovamento in una cantina di via Guarnotta delle buste di nylon con all’interno i resti del corpo, ora toccherà al medico legale stabilire come sia stata uccisa la donna e quando.
Infatti, di lei non si avevano notizia da più di tre mesi. Il marito Jonel Agavriloaei, ne aveva denunciato la scomparsa. Poi quello che allora sembrò un giallo: l’uomo di professione macellaio, venne trovato morto a fine agosto. In un primo tempo gli inquirenti parlando di omicidio e poi di morte per cause naturali e infine suicidio. Infatti Jonel si sparò alla testa con una pistola da macello. Secondo gli investigatori l’uomo potrebbe aver ucciso la moglie e tentato di sbarazzarsi del corpo mettendone i pezzi nelle buste e mettendolo nello scantinato del palazzo in cui vivono. Poi, si sarebbe tolto la vita o per rimorso o per paura di essere scoperto. Qualcosa nella versione di Jonel, sulla scomparsa della moglie, non aveva convinto gli inquirenti, ma non solo. Gli investigatori ipotizzano che sul cadavere di Florica, siano stati utilizzati coltelli come quelli che il marito utilizzava nella sua macelleria.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano