25.7 C
Torino
lunedì, 15 Luglio 2024

Iveco, presentato a Torino il nuovo Eurocargo

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Cina, America Latina e Africa. Sono questi gli obbiettivi di mercato di Iveco che, al Museo Nazionale del Cinema ha presentato l’ultimo modello: l’Eurocargo Euro VI. Si tratta di un veicolo di classe media che sarà prodotto nello stabilimento di Brescia. L’investimento complessivo è stato di 80 milioni di Euro. Fra le caratteristiche dell’Eurocargo, con le quali Iveco punta ad aggredire i mercati delle economie emergenti, il dispositivo per l’abbattimento delle emissioni di ossidi di azoto, il cambio a 12 marce e il sistema che permette di migliorare il rel rendimento del mezzo in condizione di carico pesante riuscendo a ridurre l’usura della frizione.
In Europa, spiega Lorenzo Sistino, presidente del marchio di Iveco, i numeri dicono che il marchio Iveco è primo in Italia e in Spagna, secondo in Francia e in Gran Bretagna. Che su quattro mezzi che circolano, in Italia, sono tre quelli prodotti dal gruppo, mentre la proporzione è uno su quattro in tutta Europa. Sempre i dati, prosegue Sistino, testimoniano come, ad oltre 22 anni dal lancio del modello, Eurocargo sia ancora molto forte come prodotto, con una grande capacità di mantenere il suo valore nel tempo e anche questo ha convinto i vertici del gruppo ad investire 20 milioni di Euro sullo stabilimento bresciano.
Dai vertici Iveco spiegano anche la decisione, nonostante il periodo sia tutt’altro che semplice, di riposizionarsi sul mercato e di come questo Eurocargo faccia parte della strategia del Lingotto per rafforzarsi su mercati che già adesso sono favorevoli e soprattutto essere in grado di proporsi in maniera forte su quelli in espansione. In America Latina, spiega Sistino, le iummatricolazioni di Iveco sono aumentate del 3%, in Asia grazie anche alla Cina, l’aumento è stato del 15%. In Europa, invece, la crisi ha pesato non poco, anche se i numeri di Iveco sono rimasti di tutto rispetto, spiega ancora Sistino, crescendo su tutti i mercati principali, compreso quello italiano con un più 1,3%.
Iveco, fra l’altro è impegnata anche in un’altra operazione, quella sul nuovo stabilimento sudafricano di Rosslyn dove si svolgeranno operazioni assemblaggio di bus e mezzi pesanti. Un sistema anticiclico – spiegano da Iveco – che permette di affrontare coingiunture negative come quelle che sta vivendo l’Europa.
A seconda delle motorizzazioni e dei modelli (sono 14 le configurazioni possibili), i nuovi Eurocargo costeranno da un minimo di 59 mila ad un massimo di 100 mila euro.
Ludovico Miglio

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano