23.3 C
Torino
domenica, 14 Luglio 2024

Italicum, nessun accordo sulla rappresentanza di genere

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Va avanti la discussione sulla legge elettorale. E un accordo pare ancora lontano, anche se Matteo Renzi assicura: «Entro domattina si chiude». I pomi della discordia sono comunque molti: «Il cosiddetto salva-Lega, le candidature multiple, la delega al governo per la formazione dei collegi», come ammette lo stesso premier. Ma su tutti le quote rosa.
È proprio su questo punto che imperversa la bufera. Forza Italia non vuole fare alcun passo nella direzione della rappresentanza di genere. Infatti il voto alla Camera fissato per oggi è slittato.
«Noi dobbiamo tenere una posizione conforme all’accordo, il voto poi è affidato ai singoli parlamentari. Ma sarebbe grave se si usassero gli emendamenti sulla parità di genere per saltare la riforma», spiega Francesco Paolo Sisto, presidente della commissione Affari costituzionali e deputato di Forza Italia.
«Emendamenti peraltro – aggiunge – che violano dei precetti costituzionali, come dimostrano due sentenze della Corte costituzionale».
«Nessuno – insiste ancora Sisto – mi ha chiamato stanotte – aggiunge Sisto – non mi risultato cambiamenti rispetto a quanto deciso nell’accordo fatto con il Pd».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano