16.8 C
Torino
sabato, 20 Luglio 2024

iOS 8 apre alle tastiere alternative

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Nella lunga competizione tra utenti Android e iOS c’è sempre stato qualcosa che li differenziava. Non solo il sistema operativo e nemmeno la possibilità di intervenire sullo stesso da parte di “smanettoni”. C’è sempre stata una differenza sostanziale: Apple non ha mai permesso l’utilizzo di tastiere alternative alla propria, che a dire il vero, non ha mai spiccato per “intelligenza”. Quante sonore risate con il completamento delle frasi su iPhone, che ne azzecca una difficilmente. Invece Android ha da sempre permesso, su tutti i dispositivi, l’utilizzo di scritture diverse da quella standard, rendendo famosa Swype ovvero la tastiera che ha contribuito maggiormente a rendere comune il concetto di scrittura a trascinamento.
Con l’introduzione di iOs8 invece sarà possibile installare tastiere di terze parti, anzi è già possibile perché alcune app sono già in commercio (Swype  appunto) ed è possibile acquistarle da iTunes.
Apple comunque si è messa al riparo e ha introdotto QuickType, la nuova tastiera per iOS. Più intelligente della precedente, basata su un sistema predittivo che si adatta molto al nostro modo di comunicare, lo stile delle nostre conversazioni e anche i soggetti con cui comunichiamo più spesso. Dovrebbe brillare per le risposte suggerite, sempre più aderenti con il nostro mondo di rapporti sociali, perché poi in fondo lo scopo della testiera virtuale è quello di farci scrivere il meno possibile.
Tra le tastiere virtuali segnaliamo Swype a o,89€, e TouchPal gratuita.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano