23.3 C
Torino
domenica, 14 Luglio 2024

Inchiesta interna del Pd per firme false per Chiamparino

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Daniele Viotti, parlamentare europeo del Partito democratico ha chiesto che il Pd apra un’inchiesta interna per le firme false della lista Chiamparino alle ultime elezioni regionali del 2014.
Tra gli indagati due consiglieri regionali in carica, Nadia Conticelli, Pd, presidente della Circoscrizione Torino 6 e Marco Grimaldi, Sel.
Gli altri cinque nomi iscritti nel registro sarebbero tutti di esponenti del Pd: gli ex consiglieri provinciali Umberto Perna, Pasquale Valente e Davide Fazzone, il presidente e il vicepresidente della Circoscrizione Torino 5 Rocco Florio e Giuseppe Agostino.
Diverse le irregolarità riscontrate finora nel corso delle indagini e a risponderne penalmente sono chiamati coloro che hanno autenticato materialmente le firme in qualità di pubblici ufficiali.
«Il Partito democratico non può demandare le indagini unicamente alla Magistratura – ha detto Viotti – è necessario aprire un’inchiesta interna che accerti tutte le responsabilità politiche e materiali e che si concluda in tempi brevissimi».
«Dalla lettura di ciò che sta emergendo dalle inchieste – ha concluso Viotti – il quadro appare estremamente preoccupante e sta gettando ombre sulla vittoria alle regionali».
L’inchiesta era partita da un esposto presentato dall’europarlamentare Mario Borghezio e dall’ex consigliera provinciale Patrizia Borgarello, entrambi della Lega Nord, in particolare nei confronti della lista del Pd e il listino bloccato a sostegno dell’allora candidato e attualmente presidente della Regione Sergio Chiamparino.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano