22.6 C
Torino
lunedì, 13 Luglio 2020

Inceneritori, penultimi fuochi

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Torino, scoppia la rivolta contro la polizia in corso Giulio. Quattro anarchici fermati (VIDEO)

Secondo gli anarchici si è trattato di un sopruso delle forze dell'ordine, mentre la polizia replica che il tutto sarebbe scoppiato per impedire l'arresto...
Marzio Dinamo
Marzio Dinamo
Esperto di comunicazione, grafica e marketing. Con passione per giornalismo, inchieste, cronaca e politica

È vero, Beirut non è così vicina. Sarà più o meno a 1500 chilometri dalle coste italiane. Ma anche se è chiusa in uno specchio d’acqua che va da Cipro alla Turchia, se c’è la Grecia che può creare una barriera, la capitale libanese si affaccia sul Mediterraneo che rimane un mare chiuso.
Così i liquami, che dalle discariche infernali sulle spiagge di Beirut si riversano in acqua, riguardano anche noi. Riguardano i pesci che mangiamo. In una situazione così drammatica, dove si accumula inquinamento a inquinamento, dove lo spazio è ridotto al minimo, dove le case si ammassano l’una all’altra, e i cittadini condividono degrado e sporcizia, c’è bisogno di agire in fretta. Creare una “diga” per quei torrenti di percolato, contenere l’immondizia in un’area definita, e poi, sì: bruciare.
Ci vorranno anni, almeno cinque, per mettere un inceneritore in funzione, ma è l’unica soluzione per tentare di ridurre quella montagna di schifezza. Per ridare un po’ di dignità a quell’area. Per non lasciarla a se stessa e a un pericolo sempre incombente per i prossimi secoli. L’alternativa è l’abbandono. E anche questo ci riguarda, se pensiamo alle popolazioni in fuga da aree morenti, da ogni punto di vista, economico, sociale, ambientale, o, certo, della sicurezza. Ma come? Suggerire un inceneritore, o termovalorizzatore nel linguaggio più aggiornato, proprio mentre in Italia c’è una battaglia su quelli ancora attivi? Mentre il Movimento cinque stelle sta mostrando i denti all’alleato leghista per la chiusura degli impianti, considerati tutti, una quarantina, diffusori di diossine e inquinanti vari nell’aria, responsabili di malattie per i residenti? Sembra un po’ come proporre una centrale nucleare dopo Chernobyl.
Ma il fatto è che, così come continuiamo ad essere divoratori di energia, continuiamo ad essere superproduttori di rifiuti, circa 30 milioni di tonnellate l’anno quelli urbani in Italia. Non è facile fare a meno di questi impianti, anche se vintage come un telefono a gettoni, come dice Di Maio. In vista di una nuova rivoluzione produttiva ancora da venire, che crea beni di consumo e materiali considerandone anche facilità e costi di smaltimento, gli obiettivi Ue ci chiedono l’ 80% di raccolta differenziata entro il 2030, in modo da poterne riciclare il 65%. Si calcola però che circa 6 milioni di tonnellate di rifiuti dovranno essere bruciate anche nei prossimi decenni.
E allora se non vogliamo tornare ad interrare, con la fame di spazio che c’è in Italia, è forse meglio mettere la ricerca e la tecnologia al servizio di questi “forni”, rendendoli ancora meno inquinanti. E parallelamente avviare una rete capillare di sentinelle sul territorio per impedire roghi e abbandoni, al Sud, come al Nord. Perchè il controllo del territorio è un’altra priorità. Non siamo in America. E’ troppo poca la terra che ci circonda per trasformarla in un immondezzaio, che poi, rischiamo di trovarci in tavola, come la melma di Beirut.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

13 luglio 1970: nasce la Regione Piemonte

Nel tardo pomeriggio di lunedì 13 luglio 1970, alle ore 17, iniziò nell’aula ottocentesca del Palazzo delle Segreterie di piazza Castello a...

Sitaf chiude caselli dell’autostrada: Torino-Bardonecchia in tilt

Difficoltà e disagi per chi torna a Torino dopo il weekend o la domenica passata in montagna. Infatti sulla A32 Torino-Bardonecchia in...

Via Mazzini, cadono calcinacci sui passanti. Intervengono Vigili del fuoco

Intervento dei Vigili del Fuoco in pieno centro a Torino. In via Mazzini, angolo via Lagrange, dove all’ora di...

Vogliono contestare le “sentinelle in piedi” di Torino, ma imbrattano le auto di piazza Paleocapa

Blitz nella notte tra giovedì e venerdì 10 luglio contro le sentinelle in piedi a Torino, che però si è trasformato in...

Thyssen, l’ex ad Espenhahn in carcere dal 16 luglio

L'ex amministratore delegato tedesco della Thyssen Harald Espenhahn condannato per il rogo nella fabbrica torinese che provocò 7 morti nel 2007, inizierà a scontare...