27.7 C
Torino
mercoledì, 17 Luglio 2024

Il Teatro Stabile riconosciuto come Teatro Nazionale

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

Il teatro Stabile diventa Teatro Nazionale. A conferire l’importante riconoscimento la commissione consuntiva per la prosa del Ministero per i beni e le attività culturali. In particolare lo Stabile sarebbe il secondo tra i sette teatri nazionali dopo il Piccolo di Milano. Questo significa per il teatro torinese un aumento di contributo per il triennio 2015-2017 del 40 per cento rispetto agli anni precedenti.
Un riconoscimento accolto con grande soddisfazione e che segna un punto di arrivo del lavoro svolto dal 2007 con l’insediamento del Consiglio di Amministrazione presieduto da Evelina Christillin, della direzione artistica di Mario Martone e della direzione esecutiva di Filippo Fonsatti. «Pur nella difficile congiuntura, la pianificazione strategica, la qualità del progetto artistico e l’oculatezza gestionale adottate dallo Stabile – dicono dal teatro – hanno reso possibile il raggiungimento di un risultato così prestigioso grazie ad uno straordinario lavoro di squadra che ha visto tutte le maestranze, i dipendenti e gli artisti condividere risultati significativi sul fronte dell’aumento della produttività, della crescita di abbonati e dei ricavi propri, dell’aggiudicazione degli oltre 20 premi della critica».
«Siamo orgogliosi che il Teatro Stabile di Torino abbia ottenuto dal Ministero dei Beni Culturali il nuovo prestigioso riconoscimento di Teatro Nazionale. Viene così premiata la straordinaria qualità via via acquisita dal Teatro Stabile con una produzione di eccellenza che ha ottenuto crescenti riconoscimenti nazionali e internazionali. Ed è un riconoscimento che arricchisce e rafforza il profilo di Torino come città d’arte e di cultura e premia la scelta di fare della cultura un tratto di identità della città. Un forte ringraziamento alla presidente Evelina Christillin, al direttore Mario Martone, ai tanti artisti che in questi anni hanno donato al Teatro la loro creatività, ai consiglieri d’amministrazione e a tutti i dipendenti che con il loro entusiasmo e la loro passione hanno concorso al raggiungimento del prestigioso riconoscimento di oggi» è stato il commento del sindaco Piero Fassino che ha appreso la notizia mentre si trovava in visita a Bruxelles.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano