10.8 C
Torino
martedì, 28 Maggio 2024

Il sindaco di Cremona non vuole il concerto dei 99 Posse di solidarietà a Emilio

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Moreno D’Angelo
Il sindaco di Cremona Gianluca Galimberti è contrario che i 99 Posse, noto gruppo musicale napoletano, suonino nella sua città.
«Per quanto è di mia competenza non darò il benestare a quel concerto» dichiara il primo cittadino, aggiungendo che il suo pensiero verrà ribadito durante l’incontro del comitato per la sicurezza pubblica previsto nelle prossime ore. Una decisione, quella del primo cittadino , esponente del Partito Democratico, all’indomani dei post apparsi sul profilo Facebook dei 99 Posse di solidarietà al corteo antifascista che è sceso in piazza sabato a Cremona contro le aggressioni fasciste.
Secondo alcuni infatti i post sarebbero inneggianti alla violenza. Accusa che i 99 Posse hanno rispedito al mittente ricordando che la violenza è quella fascista che spranga e lascia un uomo in coma, riferito al militante del centro sociale Dordoni ferito gravemente dai neofascisti. È proprio per lui, Emilio Visigalli, che la band partenopea suona giovedì a Cremona; infatti l’intero incasso del concerto andrà per le spese mediche sostenute dalla famiglia del militante. Il concerto si svolgerà giovedì al Centro Sociale Dordoni.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano