25.2 C
Torino
martedì, 23 Luglio 2024

Il Salone del libro resta a Torino. No allo scippo di Milano

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Si avvicina il Salone del libro di Torino, che rimarrà sotto la Mole e che ha scansato l’ipotesi, paventata fino a qualche tempo fa, nella mischia delle polemiche sulle location per l’evento, di un suo trasferimento a Milano.
Stamattina nella seduta della V Commissione (cultura, istruzione, sport, turismo, tempo libero e gioventù), presieduta da Luca Cassiani, Rolando Picchioni, presidente della Fondazione per il libro, la musica e la cultura, ha presentato l’edizione che viene del Salone internazionale del libro. L’appuntamento è per il prossimo 14 maggio, ovviamente a Torino. La tematica conduttrice del Salone sarà quella delle “Meraviglie d’Italia”.
Picchioni ha menzionato, con particolare attenzione, alcune delle aree che saranno contenute nel Salone: l’International Book Forum, creato per favorire l’incontro fra l’editoria italiana e quella straniera, il Bookstock Village, pensato per i più giovani, e il concorso letterario nazionale Lingua madre, dedicato alle donne straniere residenti in Italia.
Il presidente Luca Cassiani ha dichiarato: «Il Salone internazionale del libro è un’eccellenza culturale di Torino che intendiamo difendere e promuovere in quanto patrimonio della nostra città e del nostro territorio è un’esperienza che non si esaurisce nei cinque giorni di esposizione», rilanciando anche su quel che avviene a Torino al di fuori delle date comprese fra il 14 e il 18 maggio: «Continua durante tutto l’arco dell’anno con il “Salone Off 365”, il programma grazie al quale sono stati realizzati spazi d’incontro e dibattito tra le persone e gli autori dei libri».
In chiusura Cassiani ha anticipato che ci saranno ulteriori incontri istituzionali per discutere del futuro della Fondazione per il libro, la musica e la cultura, che all’oggi resta sotto la Mole e non prende la via di Milano.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano