27.5 C
Torino
lunedì, 22 Luglio 2024

Il presidente Amiat Bagnacani va a Roma alla guida di Ama

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di A.D.

Il presidente di Amiat Lorenzo Bagnacani lascia Torino per Roma, dove guiderà per la sindaca capitolina Virginia Raggi dell’Ama.
C’erano stati contatti nei giorni scorsi, in piena emergenza rifiuti, e oggi arriva la conferma che Bagnacani si occuperà della gestione della raccolta e smaltimento l’azienda romana, mentre Torino prepara un bando per Amiat.
«Il presidente mi aveva già accennato la disponibilità data alla sindaca di Roma per supportarla nella complessa gestione dei rifiuti della Capitale – dice la prima cittadina di Torino, Chiara Appendino – Oggi Virginia Raggi mi ha comunicato la decisione di nominarlo ai vertici di Ama».
«Ringraziamo Lorenzo Bagnacani per il prezioso lavoro svolto in questi mesi, in particolare sull’estensione della raccolta differenziata da lui supportata in conformità al programma dell’amministrazione», continua Appendino che conclude: «Nelle prossime settimane sarà pubblicato il bando per Amiat per procedere alla nuova nomina».
Anche il capogruppo del Movimento Cinque Stelle in Sala Rossa ha voluto ringraziare Bagnacani: «In questi mesi abbiamo potuto apprezzare la sua grande competenza e la sua seria professionalità, riconoscendo una sincera passione nel lavoro svolto a Torino», commenta Alberto Unia.
«In tal senso – aggiunge – non possiamo che essere dispiaciuti di perdere una persona di così grande esperienza e valore da un lato, dall’altro ci congratuliamo con lui e con l’amministrazione della Capitale per la scelta che, ne siamo sicuri, potrà sicuramente fare bene nella partecipata capitolina».

Bagnacani era stato nominato a settembre da Appendino. 45 anni di Reggio Emilia, ha ricoperto incarichi in Iren e anni fa era finito al centro di accese polemiche in relazione ai compensi che recepiva nella partecipata.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano