15.1 C
Torino
martedì, 28 Giugno 2022

Il “miracolo” di Sergio Rolando per le anagrafi

Più letti

Nuova Società - sponsor
L'opinione
L'opinione
Le opinioni di Nuova Società. Per dare un vostro contributo scritto, dire la vostra, scriveteci a redazione@nuovasocieta.it oppure al direttore a.doi@nuovasocieta.it

di Antonino Iaria

Lunedì 11 Gennaio 2021 ore 13,00, Quinto anno dell’era Appendiniana.

Or quando egli salì in consiglio comunale, molte turbe lo seguirono. Ed ecco un consigliere, accostatosi, gli si prostrò dinanzi chiedendo: “Assessore A CHE PUNTO SONO LE RIAPERTURE DELLE ANAGRAFI DECENTRATE, e LE CODE E LE PRATICHE ARRETRATE?” E l’Assessor ROLANDO stesa la mano, lo guardò e rispose “Solo presso la sede centrale sono emessi normalmente dai 70 ai 100 Documenti al giorno,”. E in quell’istante il consigliere fu meravigliato dalla sua risposta che non veniva narrata dagli scribi del regno. E l’assessor Rolando gli disse ancora: “Guarda di non dirlo a nessuno: ma presso le sedi decentrate, quasi tutte riaperte, l’accesso avviene tramite appuntamento, i Tempi di attesa sono variabili e settimanalmente vengono attivati circa 200 appuntamenti aggiuntivi il sabato mattina, ordunque va’ e mostrati tramite appuntamento, con Torino Facile o via mail, e fa’ l’offerta e avrai la carta di identità; e che ciò serva loro di testimonianza.”

Or io in verità vi dico: in futuro molti verranno di Levante e di Ponente e parleranno, a tavola con Abramo e Isacco e Giacobbe, di questo e altri argomenti del regno di Torino; ma i figliuoli del regno non ricorderanno che il regno era già uscito dalle tenebre, mentre tutti gli oratori e sacerdoti del tempio piddinio raccontavano il contrario.

Quivi sarà lo stridor dei denti dei falsi profeti che si prenderanno tutto il buono ereditato, ma che in passato nello stesso tempio han più volte screditato.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano