11.4 C
Torino
giovedì, 13 Giugno 2024

Il laboratorio di pittura ‘a bocca’ di Oltranza Festival, per l’accessibilità dei luoghi della cultura di Torino

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Oltranza Festival è l’arte dell’incontro contro ogni barriera per promuovere ogni giorno la totale accessibilità dei luoghi della cultura a Torino. Dopo aver realizzato una nuova rampa che rende agibile a tutte e tutti lo spazio sotto palco di Magazzino Sul Po, Oltranza torna ora domenica 9 giugno, alle ore 16.30, nelle Raffinerie Sociali di Via Fagnano 30/int. 2, con una nuova iniziativa: un Laboratorio di Pittura a Bocca diretto da Francesco Canale, artista nato senza braccia e senza gambe, nato dall’idea di focalizzarsi sulla soluzione e non sul problemi utilizzando per dipingere non le mani, ma la bocca. 

L’evento dal titolo “Usa la testa Experience” fonde l’esperienza laboratoriale con il divertimento per permettere ai partecipanti di prendere parte ad un laboratorio di pittura ed anche al primo gioco al mondo in cui è vietato utilizzare le mani. L’iniziativa è frutto dell’idea di Francesco Canale, Socio Fondatore e Direttore Creativo dell’azienda “Working Souls S.r.l”,  in arte Anima Blu, artista poliedrico (pittore, scrittore, autore teatrale/musicale, performer) e imprenditore. Lo scopo di questa esperienza formativa e motivazionale è migliorare il benessere delle persone e diffondere una nuova visione della cosiddetta “diversità”, calandosi nei panni di Francesco con metodi “alternativi”, basati su uno strumento principale: l’Arte. 
Al termine dell’esperienza di gioco e laboratorio, seguirà anche un’intervista con aperitivo in compagnia di Francesco canale intervallata da letture, tratte dal suo libro “Le Corde dell’Anima” con accompagnamento musicale, dal vivo.

Francesco Canale, parlando di sé afferma: “Ho capito che per non essere vittima della mia ‘disabilità’ e di una società che categorizza le persone in diversità inesistenti, bastava soltanto che mi guardassi dentro: per comprendere chi fossi davvero, quali erano le mie potenzialità, e cosa avrei potuto dare al Mondo.” 

Un approccio, quello del festival multidisciplinare OLTRANZA, che abbraccia ogni disciplina quindi e che si caratterizza rispetto agli altri festival, perché al primo posto – nell’organizzazione di un evento – mantiene saldo l’obiettivo di rendere completamente e totalmente accessibili i luoghi della cultura in cittàLa fruizione della cultura è infatti ancora oggi ancora un percorso ricco di barriere. Gli eventi si rivolgono spesso all’intera comunità, dando per scontato il raggiungimento del valore di inclusione sociale, ma molti dei contenuti culturali e artistici offerti non sono ancora accessibili. 

Per questo motivo, Oltranza Festival ha finalmente reso possibile anche un intervento risolutore per rendere accessibile lo spazio sotto palco di Magazzino Sul Po, con una nuova rampa che è stata appena installata nel noto locale torinese, con il messaggio di rendere sempre più accessibili i luoghi della città per tutte e tutti, verso una maggiore inclusione sociale. 

Questo significa che il festival non è rivolto verso solamente verso le persone con disabilità, ma verso tutte e tutti. Non si tratta di costruire quindi un festival ‘sulla disabilità’. Il reale significato alla base dell’impegno del festival è legato alla convinzione che sia l’incontro l’elemento più potente che sperimentiamo nella vita. E che quindi siano proprio l’arte e la cultura – per la loro natura aggregativa – il mezzo più potente attraverso cui amplificare questo messaggio. Perché questo accada, i luoghi che frequentiamo e i contenuti che promuoviamo devono diventare sempre più accessibili a tutte e tutti. Nell’immaginare gli spazi d’aggregazione, e quindi nel creare cultura, non può essere concepibile un luogo che, a priori, escluda qualcuno” racconta Gigi “Bandini” CosiPresidente di Indiependence sul senso dell’iniziativa.

Fino al 15 settembre prosegue il palinsesto di eventi e concerti verso una maggiore accessibilità con eventi in Lingua dei Segni Italiana (LIS), fra panel di approfondimento sul tema dell’inclusione, reading, talk, presentazioni di libri, mostre, esposizioni tattili e laboratori di teatro integrato con tanti appuntamenti in vista dell’evento che troverà il culmine il 7 luglio, con tre grandi concerti a  SPAZIO 211 per divertire, sensibilizzare, e soprattutto unire, aggregare le persone, perché l’arte e l’incontro sono un diritto di tutti

Il ricavato del festival è inoltre destinato in parte al finanziamento di una borsa di studio in Disability Management & Inclusive Thinking presso la SAA di Torino (https://www.saamanagement.it/formazione-executive/disability-management-inclusive-thinking/) e in parte alla realizzazione di interventi di abbattimento di barriere architettoniche in circoli culturali non ancora accessibili.

Oltranza Festival è un progetto promosso da Indiependence e Soundset APS, in collaborazione con LISten APSMagazzino sul Po e Anomalia Teatro, con il sostegno principale di Fondazione Time2, il sostegno di Arci Torino Apic, e con la collaborazione di Si può FareCPDSAA – School of Management e Quattrolinee.

PROGRAMMA FINO AL 15 SETTEMBRE

Domenica 9 giugno, ore 16.30 – 19.30

“Ad Oltranza // Usa la testa Experience”
Laboratorio di Pittura a Bocca
Raffinerie Sociali di Via Fagnano 30/int. 2

Realizzazione di una laboratorio di pittura a bocca che sarà diretto da Francesco Canale, artista nato senza braccia e senza gambe. Il laboratorio sarà aperto a chiunque voglia partecipare a questo tipo di esperienza. Il laboratorio nasce dall’idea di focalizzarsi sulla soluzione e non sul problema, utilizzando per dipingere, non le mani ma la bocca. Al termine, aperitivo con intervista a Canale e letture tratte dal suo libro “Le corde dell’anima”

Mercoledì 12 giugno, ore 18

Ad oltranza// Presentazione di un diario non convenzionale

Talk con la partecipazione di: 

Valeria CarlettiMax Casacci, Lisa NojaMarina Cuollo (in collegamento), Jacopo RosatelliMarco Berton 

Magazzino Sul Po 

Scopo dell’incontro sarà riunire nello stesso luogo, fisico e progettuale, utenza, promoter, artista e istituzioni coinvolti nella realizzazione di un evento culturale, dando ad ognuna delle parti lo spazio per presentare il proprio punto di vista e per interrogare la tavola rotonda, partendo dal presupposto che, per evolvere, siano più necessarie le domande che le risposte. Sarà, inoltre, occasione per iniziare a formulare anche le risposte, pratiche e funzionali, per una reale e concreta condivisione degli spazi culturali, luoghi in cui prendono forma la vita e le relazioni umane.

Domenica 7 luglio, ore 19 – 24

Oltranza Festival

Concerti accessibili: Selton e Spaghetti Spezzati; Showcase accessibile: Pietro Morello

SPAZIO 211

Domenica 15 settembre, ore

Ad Oltranza//Teatro in Lis

Spettacolo teatrale tradotto in LIS + Visita Guidata Museo d’antichità tradotta in LIS

Musei Reali 

Spettacolo teatrale in Lis e visita guidata accessibile. Organizzazione di uno spettacolo teatrale interamente tradotto in LIS, a cura di LISten APS.
Per le persone cieche e ipovedenti sarà possibile fruire dell’audiodescrizione. Prima dello spettacolo, gli spettatori ciechi e ipovedenti potranno partecipare anche al tour tattile sul palcoscenico.
Per l’occasione sarà organizzata una visita guidata al museo di antichità con traduzione in LIS e audiodescrizione per persone cieche e ipovedenti.

In occasione di ogni appuntamento sarà inoltre distribuito un test di gradimento digitale ai partecipanti, che includeranno domande sulla qualità dell’ambiente trovato (quanto accogliente e inclusivo), sulla quantità e qualità del divertimento provato, sulla quantità e qualità di informazioni assimilate che prima non sapevano e sul grado di sensibilizzazione raggiunto, misurabile nella quantità consapevolezza raggiunta rispetto alle tematiche affrontate.


- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano