20.6 C
Torino
martedì, 23 Luglio 2024

Il green pass fa raddoppiare le adesioni al vaccino in Piemonte

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Piemonte come la Francia: l’obbligo del green pass ha dato una spinta alla campagna vaccinale. Infatti, a poche ore dalle nuove normative che stabiliscono la necessità del pass per entrare nei locali e per i viaggi sono raddoppiate le prenotazioni dei vaccini 
“Le decisioni di ieri del Governo – ha sottolineato Alberto Cirio – hanno avuto in Piemonte l’effetto di raddoppiare le richieste per le vaccinazioni: ogni ora sul nostro portale registriamo il doppio delle adesioni rispetto alle media dei giorni precedenti”.

A parlare i dati che fotografano un’impennata delle nuove adesioni a partire dalle ore 20, raccogliendo 9 mila nuovi prenotati, pari alla media di una intere giornata qualsiasi. E anche oggi alle 12 erano già 9mila 300 gli iscritti sul portale Il Piemonte ti vaccina. 

Facendo il punto della situazione piemontese Cirio ha anche osservato come i tre malati ad oggi ricoverati in terapia intensiva “sono tutti non vaccinati”. Il governatore del Piemonte ha annunciato che d’ora in poi ogni giorno verrà appurato e reso noto quanti fra i malati ricoverati per il Covid nelle terapie intensive e nelle degenze ordinarie sono vaccinati.
“Le persone ricoverate oggi nelle degenze ordinarie degli ospedali piemontesi – ha detto Cirio – sono 52, e anche per loro stiamo appurando quanti si sono vaccinati e quanti no. Lo sapremo fra poche ore”.
“Stiamo predisponendo un sistema – ha spiegato – per raccogliere questi dati e informatizzarli. Crediamo nella libertà della vaccinazione, ma a questa libertà corrisponde un nostro maggiore impegno per dimostrare che vaccinarsi è importante. Questo nuovo metodo vuole dimostrare nei fatti quanto la scienza ci sta già dicendo: che chi si vaccina raramente finisce in ospedale e comunque non si ammala in forma grave”.
“Sono i risultati – ha rimarcato – che devono convincere la piazza. A chi manifesta contro il vaccino, chiedo di avere la mente aperta per guardare senza pregiudizi quali risultati porta la vaccinazione”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano