21.1 C
Torino
martedì, 28 Maggio 2024

Il Comune non se ne è curato: e allora ci pensa il servizio d'ordine del Pd a riscrivere “Antifascisti sempre” in corso Dogliotti

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Alla fine ci ha pensato il servizio d’ordine del Partito Democratico a riportare la scritta alla sua originaria natura.
Stiamo parlando di un graffito che in corso Dogliotti, a due passi dall’ospedale delle Molinette, era stato “trasformato”. La scritta “Antifascisti sempre” era diventata alcuni settimane fa “Fascisti sempre” dopo che una mano anonima aveva cancellato “Anti”.
Una grossa scritta, come testimonia la foto, a cui era stato dato un significato che non è certo passato inosservato, visto che è  un corso molto trafficato.
Al punto che era intervenuto il segretario metropolitano del Partito Democratico Mimmo Carretta, il quale aveva denunciato la vicenda, chiedendo un intervento dell’amministrazione comunale.
Il 12 maggio infatti, Carretta, attraverso i social aveva raccontato la vicenda, commentando: «Una scritta vergognosa. Appendino cancella questo schifo. Noi siamo pronti: vernice e pennelli per nascondere questo scempio. Torino è antifascista».
Ma dall’amministrazione nessuno segnale di “messaggio ricevuto”. Tranne un consigliere della maggioranza, Antonino Iaria, che sotto il post di Carretta ringraziava per la segnalazione, nessun altro si è interessato di riportare la scritta alle sue origini, degne di una città medaglia d’oro alla Resistenza.
Oggi la scritta in corso Dogliotti è nuovamente “Antifascisti sempre”. Lo annuncia Mimmo Carretta sempre attraverso i sociali: «Abbiamo denunciato senza ricevere risposte dalle Istituzioni cittadine, poi “qualcuno” ha provveduto a rimarignare una ferita che sanguinava nel cuore della città».
E quel qualcuno, come detto, è il servizio d’ordine del Partito Democratico, che ha deciso di non aspettare oltre, risolvendo il tutto con vernice e pennelli.
 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano