23.4 C
Torino
venerdì, 12 Agosto 2022

Il 26 e 27 settembre torna la Festa dei vicini

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Torna la Festa dei Vicini, un appuntamento atteso dai cittadini, in programma il 26 e 27 settembre, dopo il rinvio a causa dell’emergenza coronavirus. Un’occasione di festa per affermare i valori di buon vicinato e di mutuo aiuto per superare le difficoltà quotidiane.

La Giornata europea dei Vicini, a cui il Comune di Torino ha aderito dal 2006, è nata a Parigi nel 1999, registrando negli anni una crescente partecipazione delle cittadine e dei cittadini. 

L’evento – promosso, come di consueto, dall’associazione “European Neighbours’ Day” con il patrocinio della Commissione Europea e da A.N.C.I. e Federcasa per l’Italia, su iniziativa e proposta di singoli gruppi, associazioni, comitati, laboratori, oltre alle Case del Quartiere – propone alcune novità.

L’edizione 2020 – che si svolgerà nel rispetto delle norme per la tutela della salute e della sicurezza individuale – accanto alle iniziative spontanee tradizionalmente organizzate dagli abitanti di uno stesso condominio o della medesima via per condividere momenti di festa e rafforzare il senso di comunità, offre nuove opportunità per stare insieme ampliando il tema della vicinanza. 

Per partecipare all’organizzazione degli eventi è necessario compilare il modulo di adesione, scaricabile dal sito web della Città di Torino www.comune.torino.it, che dovrà essere inviato entro il 10 settembre all’indirizzo email festadeivicini@comune.torino.it

L’esperienza dei lunghi mesi di lockdown, segnata dall’emergenza sanitaria che ha messo a dura prova la tenuta del sistema economico e sociale ha fatto emergere nuove forme di solidarietà in risposta ai bisogni di aiuto di molti cittadini.  Una rinnovata sensibilità che ha animato molti ambiti e gruppi di popolazione consapevoli della necessità in cui la comunità torinese si è venuta a trovare.

Una ricchezza che l’Amministrazione Comunale intende valorizzare e riconoscere in queste giornate per rafforzare l’ossatura sociale del tessuto cittadino, nell’ottica di un dialogo continuo tra istituzioni e volontariato. 

Quest’anno la popolazione oltre ad animare, come di consueto, cortili pubblici e privati, piazze e strade della città, per la prima volta, potrà organizzare itinerari per conoscere aree verdi e sentieri collinari.

Gli appuntamenti sono patrocinati dalla Città attraverso le Circoscrizioni e dall’ATC partner dell’iniziativa.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano