24.3 C
Torino
mercoledì, 17 Luglio 2024

I Moderati “imitano” CasaPound sui pentiti di Appendino

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

CasaPound è stato il primo, ma ora non è più l’unico a far breccia con un manifesto sul pentimento dei torinesi. I Moderati seguono la strada.

Ci riferiamo al fatto che dopo più di 18 mesi dal voto un certo malumore, per non dire una vera e propria delusione serpeggia tra chi sperava in un cambiamento grazie alla vittoria di Chiara Appendino e invece si ritrova con una Torino che arranca sempre di più.

A gennaio i “fascisti del terzo millenio” avevano tappezzato la città con cartelloni raffiguranti il volto della sindaca e la scritta “Ti sei pentito? La prossima volta non farti fregare”. La sindaca aveva replicato scavando nel repertorio degli antifascisti affermando che «non si può piacere a tutti e in alcuni casi è una medaglia al merito», alludendo al movimento che prende il nome dal famoso poeta.

Chissà se adesso Appendino alla giacca si appunterà una nuova medaglia, oppure prenderà atto che anche i Moderati, come dicono loro “la lista civica più votata dai torinesi”, usando sempre dei manifesti sostengono: “Pentito di aver votato Appendino e Cinque stelle? Presto potrai rimediare”. Firmato il segretario Giacomo Portas.

Da notare che a differenza di CasaPound che parlava solo di una generica “prossima volta” in cui i torinesi saranno chiamati a votare, per i Moderati sarà possibile rimediare presto. Insomma, scommettono già su una fine anticipata dell’amministrazione cinque stelle e della sindaca Appendino.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano