20.5 C
Torino
giovedì, 18 Luglio 2024

Gtt e Infra.to, gli inquirenti indagano sull’approvazione del bilancio

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Bernardo Basilici Menini

Il primo passo degli inquirenti è quello di partire dal fondo. In un’inchiesta che si prospetta intricata, con 50 milioni di euro di debiti che sarebbero spariti dai conti del bilancio 2015, l’intenzione è quella di cercare le responsabilità cominciando dal punto di fine del percorso. E quindi cercare di accertare le responsabilità nel processo di approvazione del bilancio, concluso nei mesi scorsi dalla giunta Appendino, malgrado mancassero all’appello i debiti del Comune con Gtt e Infra.to.

A deporre a favore della sindaca c’è il fatto che il bilancio sia stato approvato “con riserva”: una possibilità che in teoria è legittima, ma deve essere valutata alla luce delle leggi e dei regolamenti che regolano i conti pubblici. Chiara Appendino aveva dichiarato nei giorni scorsi di aver proceduto all’approvazione per evitare di «bloccare i servizi pubblici», spiegazione che tuttavia non è sufficente per gli inquirenti, che stanno cercando di far luce su di un quadro molto complesso.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano