19.5 C
Torino
lunedì, 15 Luglio 2024

Gtt, bici in metro: l’esperimento ha avuto successo

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Nessuna difficoltà né incidente: si è chiusa con un bilancio positivo la fase sperimentale del trasporto delle biciclette nella metropolitana di Torino. La metro del capoluogo piemontese è la prima con vetture corte nella quale viene sperimentato questo servizio. Per questo, fanno sapere dal Comune, «nelle prossime settimane i tecnici si occuperanno di formulare una proposta che, nel rispetto delle norme di sicurezza vigenti, possa definire le modalità conclusive, e le fasce orarie opportune, in cui consentire il trasporto di biciclette in metropolitana» e quindi «nei mesi di dicembre e gennaio il servizio sarà sospeso e riprenderà appena stabilito l’opportuno regolamento d’esercizio».
«La sperimentazione e la relativa analisi dei dati – afferma Claudio Lubatti, assessore a Trasporti, Viabilità e Infrastrutture del Comune di Torino – ci ha permesso di capire che il servizio di trasporto bicicletta al seguito in metropolitana è stato ben recepito dai cittadini ed è tecnicamente sostenibile, in sicurezza per la generalità degli utenti. A questo punto si stanno effettuando tutte le analisi del caso per identificare le modalità in grado di stabilizzare e regolamentare questo  servizio e, nell’ottica di una maggiore fidelizzazione, arriveremo alla gratuità dell’ingresso delle biciclette per gli abbonati».
«Il futuro del servizio dovrà tenere conto dei risultati della sperimentazione e poggiare su due capisaldi – conclude il presidente e ad di Gtt Walter Ceresa –  fare in modo che l’integrazione tra la metro e le bici garantisca anche un ritorno economico nella gestione, giungere a una regolamento di esercizio che tuteli tutti i passeggeri e che trovi il massimo consenso da parte degli Enti che devono concedere le autorizzazioni».

@ElisaBellardi

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano