27.7 C
Torino
mercoledì, 17 Luglio 2024

Governo M5s-Pd, Carretta: "Decidano gli iscritti con un referendum"

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il reggente del Partito Democratico, Maurizio Martina non sarà a Torino il 2 maggio, per la direzione metropolitana, come era stato invece annunciato alcuni giorni fa. Il segretario Pd torinese, Mimmo Carretta spiega i motivi dell’assenza e del rinvio della direzione: «Un rinvio dettato dalla delicata situazione nazionale e dalla convocazione della Direzione Nazionale per il giorno 3 maggio, che ovviamente hanno priorità sull’agenda politica di tutti noi».
Carretta si dice fiero di un partito come il suo che «riporta nelle sedi opportune la discussione» e che non si basa sui social per argomenti così seri e delicati. «La Politica è una cosa seria, il Partito Democratico è un Partito serio», evidenzia il segretario.
Un momento cruciale per il Paese e Mimmo Carretta manifesta il suo pensiero su quanto sta accadendo a Roma: «Un eventuale accordo di Governo con il M5S, vuoi per la totale diversità di visione sul futuro Paese, vuoi per la diversità dei programmi con i quali ognuno di noi si è presentato agli elettori, vuoi anche per la negativa esperienza di governo della Città di Torino, merita un serio e approfondito confronto nel Partito prima di arrivare ad una necessaria decisione».
«Mi auguro, e qui faccio una proposta, che la stessa Direzione scelga anche di interpellare e coinvolgere gli iscritti attraverso un Referendum interno come previsto dallo statuto nazionale», conclude Carretta

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano