22.5 C
Torino
giovedì, 9 Aprile 2020

Gli universitari contro McDonald’s, tensione e cariche durante la protesta – FOTO VIDEO

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Buoni spesa Torino, ecco il link per fare la richiesta online

Come aveva annunciato previsto la sindaca Chiara Appendino ci sono stati dei problemi iniziali dovuti alle troppe entrate nel sito predisposto per la richiesta...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

Incendio in centro a Torino, in fiamme un negozio di fiori (VIDEO)

Le fiamme hanno avvolto il negozio di fiori sintetici, in via Santa Teresa, in pieno centro a Torino. A pochi metri da un supermercato....

Fallimento Scarpe & Scarpe, Fisascat Cisl Torino-Piemonte: “Rispetto per i dipendenti”

La Fisascat Cisl Torino-Piemonte commenta il rischio di fallimento della ditta Scarpe & Scarpe di Torino, chiedendo "rispetto e attenzione per i dipendenti" che...
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Scritto da Michele Paolino

Una settimana dopo il flashmob contro il Burger King di via Verdi finito con tre fermi davanti al Palazzo del Rettorato, oggi Noi Restiamo Torino ha convocato un nuovo flashmob all’interno del McDonald’s la cui apertura era prevista proprio oggi in via Sant’Ottavio 12.
Il ritrovo era previsto per le 13.30, ora nella quale gli studenti sarebbero entrati col loro cibo e avrebbero occupato i tavoli del fast food per studiare.
A meno di mezz’ora dal ritrovo, sulla pagina Facebook dell’evento “Flash Mob #2 al MacDonalds di Unito“, un post di Noi Restiamo invita gli studenti a trovarsi davanti a Palazzo Nuovo in quanto l’entrata del fast food era già presidiata dalle forze dell’ordine. Così come numerosi erano gli agenti in assetto antisommossa davanti all’ingresso di Burger King.

«Ajani se ne vada, non si può lucrare sugli studenti. L’università non è un parcheggio. In prospettiva ci aspetta un futuro precario o all’estero», queste le parole dei manifestanti.
La folla successivamente si è spostata davanti al Burger King di via Verdi dove la scorsa settimana era iniziata la protesta. Al coro di “Oggi chiude anche il Burger King” i ragazzi hanno tentato più volte di entrare nel locale, ma sono stati respinti dalla polizia.

Dopo alcuni minuti di tensione gli studenti si sono spostati davanti al rettorato di via Verdi dove sono stati accolti da un collaboratore dell’Università che ha proposto ai ragazzi di far salire una delegazione che parlasse con un portavoce del rettore Ajani, che non era presente in sede.

Ma l’incontro ristretto è stato rifiutato e i giovani si sono spostati a Palazzo nuovo per definire le mosse successive, tra cui un nuovo flash mob giovedì prossimo e una manifestazione nazionale contro la privatizzazione dell’università pubblica.

foto di ©Rawsht Twana e Gabriele Druetta

video di Gabriele Druetta

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

- Advertisement -Nuova Società - sponsor
- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Primo Piano

Coronavirus, Governo Conte verso la proroga delle restrizioni fino al 3 maggio

Il governo va verso il prolungamento del lockdown fino al 3 maggio. E' quanto si apprende da fonti sindacali al termine del vertice tra...

In Piemonte i guariti di oggi sono il doppio dei decessi

Altri 133 guariti in Piemonte, che arrivano oggi a quota 865 in tutta la Regione. 56 (+6) in provincia di Alessandria, 45 (+4) in...

Piemonte, Cirio chiude i supermercati per Pasqua e Pasquetta

Niente spesa nei supermercati per Pasqua e Pasquetta. Il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio ha firmato l'ordinanza che stabilisce la chiusura dei supermercati...

Coronavirus, Unione industriale Torino: “Mascherine bloccate da Inail”

L'Unione Industriale di Torino ha acquistato un ingente carico di mascherine per le imprese associate, 300.000 sono state importate dall'estero, ma forti ritardi burocratici...

Coronavirus, in Piemonte allarme usura

“La grave crisi di liquidità causata dall’emergenza Covid-19 è un terreno che anche in Piemonte potrebbe rivelarsi fertile per gli usurai”. La denuncia arriva...
- Advertisement -Nuova Società - sponsor