18.1 C
Torino
domenica, 21 Luglio 2024

Gli studenti raccolgono il testimone dei Forconi: 12 dicembre ancora in piazza

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Un migliaio di studenti in piazza Castello a Torino. Mani alzate, inno di Mameli cantato a squarciagola, bandiere italiane che sventolano e il solito striscione tricolore dietro a cui si compattano i ragazzi urlando slogan contro la politica, contro la Regione. Poi hanno sfilato verso il Comune con insulti nei confronti del sindaco Piero Fassino.

Sono scesi di nuovo nelle strade del capoluogo piemontese nel quarto giorno di proteste, creando disagi alla viabilità.
Accanto alla rivolta però ci sono alcuni ragazzi che hanno approfittato della situazione per dare l’assalto, è proprio il caso di dirlo, a H&M, un negozio di abbigliamento in via Roma, sotto gli occhi sorpresi dei commessi. I ragazzi ne hanno così approfittato per fare gli acquisti prenatalizi.
La “rivolta” era esplosa negli scontri di lunedì e nella sassaiola contro il Palazzo della Regione, ma da allora ha assunto toni più pacati con proteste tranquille, blocchi stradali e mercati chiusi.
Oggi invece le bancarelle sono tornate ad aprirsi e a ripopolare le piazze. Anche se, come ha detto ieri Danilo Calvani, leader nazionale della “rivoluzione”, «i mercati riaprono ma la protesta continua», ma nel pomeriggio perché alla mattina «si deve lavorare».
Calvani ieri sera, dal palco improvvisato in piazza Castello, ha scandito i prossimi passi della protesta. Il prossimo appuntamento sarà a Roma «perché è lì che decidono tutto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano