5.3 C
Torino
giovedì, 28 Ottobre 2021

Gigafactory, odg in Regione per chiedere sede a Torino

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Un ordine del giorno con primo firmatario il capogruppo della Lega Alberto Preioni per chiedere che consiglio e Regione sostengano la candidatura di Torino a sede della gigafactory di Stellantis per la produzione di batterie elettriche.

“Torino  – spiegano i consiglieri leghisti Sara Zambaia e Andrea Cerutti, con l’assessore Fabrizio Ricca – grazie alla Fiat ha segnato la storia del settore automobilistico non solo italiano. Ora con il suo imponente bagaglio di esperienza, tradizione, reti di forniture, produzione, assemblaggio e innovazione, è la candidata ideale per la produzione di batterie per automobili elettriche. Per spazi, competenze e maestranze, lo stabilimento di Mirafiori non può che essere il luogo più adatto per questo nuovo investimento. Sostenere questo progetto – aggiungono – è dovere di tutti. In ballo non c’è solo il ruolo di leader dell’automotive che il Piemonte merita di nuovo di ricoprire ma anche la creazione di migliaia di posti di lavoro”.
“Come indicato dal nostro leader Matteo Salvini e dal nostro segretario Riccardo Molinari, che ringraziamo per la loro costante attenzione per il Piemonte – rimarca Preioni – quella per la gigafactory di Stellantis è una sfida strategica che dobbiamo vincere. Fare di Mirafiori uno dei poli europei della mobilità sostenibile significa avviare una nuova rivoluzione industriale per Torino e il Piemonte, vero punto di svolta per lasciarci alle spalle il cataclisma della pandemia”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano