24.9 C
Torino
giovedì, 18 Luglio 2024

Giallo a Ivrea, ritrovato il corpo di una donna fatto a pezzi

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

Sono stati ritrovati nello scantinato di casa i resti di Flerica Ninzat, la donna 35enne romena che mancava dalla sua abitazione nel centro di Ivrea dallo scorso giugno.
A fare la macabra scoperta i cani molecolari specializzato nella ricerca di tracce ematiche che hanno permesso di individuarne il cadavere, tagliato in due e avvolto in sacchetti di nylon seppelliti in una zona con terra dello scantinato della palazzina di via Guarnotta 29.
Come detto, era da mesi che si cercava il cadavere della donna che nessuno dopo fine giugno ha più visto in città anche se il marito ne aveva denunciato la scomparsa ben due mesi dopo la reale sparizione. Per questo a fine agosto gli agenti di polizia si erano recati nella abitazione trovando però l’uomo, Jonel Agavriloaei, 43 anni, morto.
La successiva autopsia aveva accertato che si trattasse di suicidio, attraverso una pistola di quelle usate in macelleria che sull’uomo hanno effetto solo in ritardo, facendo sì che l’uomo si aggirasse ancora per casa spargendo sangue tanto da far inizialmente pensare a un omicidio.
Resta invece il mistero su cosa sia esattamente successo alla donna.
 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano