21.9 C
Torino
giovedì, 18 Luglio 2024

Filippine, un super-tifone provoca 1200 morti

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Sono almeno 1200 le persone rimaste uccise da Haiyan, un super tifone che sta devastando isole e coste del Pacifico e che ha causato un livello di distruzione simile a quello dello tsunami del 2004.
Raffiche di vento a 313 chilometri l’ora hanno anche provocato lo sfollamento di oltre 700mila persone. Si teme che il numero delle vittime salga ancora nelle prossime ore, e il governatore di Leyte, la prima isola colpita dalla furia di Haiyan (chiamato Yolanda nelle Filippine), sostiene che «i morti potrebbero essere decine di migliaia».
L’entità del disastro ha commosso anche papa Francesco: «Chiedo a tutti voi di unirvi a me nella preghiera per le vittime del tifone Haiyan», ha scritto il pontefice su Twitter.
In giornata Haiyan ha lasciato l’arcipelago per continuare la sua corsa verso la Cina meridionale. Le autorità cinesi hanno richiamato in porto tutte le barche di pescatori, innalzando l’allarme per le onde da giallo ad arancione. Domani pomeriggio è invece atteso in Vietnam centro-settentrionale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano