28.2 C
Torino
mercoledì, 24 Luglio 2024

Febbre a scuola, Cirio non cambia idea: “Ordinanza fatta con buon senso”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

Non cambia idea Alberto Cirio sull’ordinanza che impone la misurazione della febbre a scuola e che il ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina ha impugnato ieri. 

“Quando le cose sono fatte per tutelare la salute e la sicurezza dei bambini, ma anche degli anziani che sono a casa, e quando sono fatte con buon senso, io credo che siano cose buone” ha affermato Cirio. “E’ un provvedimento che non innova nulla – ha proseguito il governatore – lo Stato ha deciso di far misurare la febbre a casa alle famiglie, noi ci adeguiamo. Ma in Piemonte introduciamo un controllo in più, diciamo alle scuole di verificare che le famiglie lo abbiano fatto. Tanto che in questo momento, questo sta avvenendo in tutte le scuole del Piemonte”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano