27.5 C
Torino
venerdì, 19 Luglio 2024

Fassino vuole un inversione di tendenza nei rapporti tra Stato e Comuni

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il primo cittadino di Torino, presidente dell’Anci, l’associazione nazionale comuni italiani, è chiaro: «Siamo in presenza di un passaggio cruciale per la vita di molti comuni – spiega – l’approvazione della Legge di Stabilità sarà un passaggio decisivo ed in questi anni c’è stata una politica che ha caricato sugli Enti Locali un onere di risanamento sproporizionato. Abbiamo raggiunto il punto limite al di sotto dei quali i Comuni non possono assolvere ai loro compiti».
Tradotto: Le amministrazioni comunali non possono pagare più per gli altri. E le proposte che il presidente dell’Anci fa al governo sono rivolte a migliorare la legge di stabilità come ad esempio con una nuova service tax atta a preservare – spiega Fassino – la manovrabilità della leva fiscale, la creazione di un fondo di solidarietà, un regime stabile in materia di riscossione dei tributi, ed ancora il rimborso delle spese giudiziarie,che oggi ammontano a 340 milioni di euro, e la riapertura del confronto sul federalismo fiscale.
«La service tax cosi com’è non assicura la compensazione dell’abolizione dell’Imu – precisa Fassino – Nemmeno con il miliardo di compensazione, perchè la possibilità di aumentare dell’uno per mille le aliquote sulla seconda rata non compensa il taglio del 50% sulle aliquote della prima.
Come detto per il presidente dei sindaci d’Italia quello che serve «è una inversione di tendenza nei rapporti stato e comuni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano