15.5 C
Torino
domenica, 14 Luglio 2024

Ex Embraco, sindaco di Chieri: “Costruire un orizzonte di speranza”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Previsto per giovedì 9 luglio alle 18.00, presso la Conceria di Chieri, un incontro con le forze produttive torinesi che, come spiega il sindaco, Alessandro Sicchiero, servirà a raccogliere le disponibilità degli imprenditori locali per investire o ad assumere i dipendenti ex Embraco.

“Un momento di confronto sull’ex Embraco, in particolare con le associazioni di categoria e il mondo produttivo torinese e piemontese, ma allargato a tutti i possibili stakeholder, per approfondire idee e proposte concrete e per raccogliere eventuali disponibilità di imprenditori locali a investire sul sito o ad assumere parte dei dipendenti” spiega Sicchiero “La vicenda dell’Embraco, dal palesarsi della crisi nei primi anni del Duemila fino alla recente indagine giudiziaria che coinvolge i vertici di Ventures rappresenta una profonda ferita per la nostra comunità.”

“Come Comune di Chieri siamo convinti che il futuro di oltre 400 tra lavoratrici e lavoratori ex Embraco non possa solo essere affrontato in termini di ammortizzatori sociali ma ci si debba adoperare per costruire un orizzonte di speranza – continua il sindaco – affinché un patrimonio di esperienze e di qualità professionali non vada disperso. Nei mesi precedenti l’emergenza sanitaria da Covid-19 era emerso l’interesse di alcuni imprenditori del territorio chierese ad assorbire una parte dei lavoratori di Ventures (ex Embraco ndr) o comunque a operare investimenti sul sito di Riva di Chieri.- e conclude – Personalmente avevo contatto il presidente di Api Torino, Corrado Alberto, chiedendogli la disponibilità a un incontro a Chieri per approfondire, insieme ad altre associazioni di categoria e interlocutori istituzionali, queste ipotesi. Finito il lockdown abbiamo ripreso il discorso interrotto. L’auspicio è che da questo momento di confronto allargato possano emergere percorsi concreti che come amministrazione comunale non mancheremo di sostenere”.

Paolo Bogliano

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano