19.6 C
Torino
martedì, 23 Luglio 2024

Eternit, Consulta: “Il processo di Torino può andare avanti”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il processo Eternit del tribunale di Torino a Stephan Schmidheiny, accusato di omicidio volontario per la morte da amianto di 258 persone, può andare avanti.

Questa la decisione della Corte Costituzionale sul “ne bis in idem”, principio per cui non si può essere processati due volte per lo stesso fatto. Schmidheiny era stato prosciolto per prescrizione da una precedente accusa di disastro ambientale doloso. Dichiarando incostituzionale una sorta di automatismo contenuto nel codice, la Consulta riconosce più discrezionalità al giudice.

«Siamo ragionevolmente soddisfatti. Il processo continua e in aula daremo battaglia» è il commento dell’avvocato Sergio Bonetto, che nel processo Eternit rappresenta un gruppo di parti civili. «Per i decessi non contemplati nel primo processo – spiega il legale – non ci sono problemi, continueranno a essere contestati all’imputato. Per gli altri bisognerà fare qualche valutazione. Ma noi siamo pronti».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano