14.9 C
Torino
lunedì, 22 Luglio 2024

Elena Ceste, la famiglia denuncia i media: “Troppa pressione”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Troppa attenzione da parte di televisioni e giornali, unita forse alla curiosità un po’ morbosa dell’Italia intera. Chiedono più riserbo da parte dei mezzi di comunicazione i familiari di Elena Ceste e così hanno deciso di denunciare i media per la troppa pressione mediatica che viene data al mistero riguardante la donna di Costigliole d’Asti, scomparsa il 24 gennaio e trovata morta il 24 ottobre non lontano da casa.
Un caso, quello di Elena, dove le piste a volte contraddittorie che si succedono dal giorno della sua sparizione non hanno portato a nessuna soluzione su chi possa essere l’autore dell’omicidio. Ora, a dieci mesi da quel tragico 24 gennaio, madre, padre e cognato vogliono più che mai vederci chiaro e sono stati ascoltati dai carabinieri del comando provinciale di Asti per sette ore con l’intento di cercare di far luce sui dettagli che potrebbero rivelarsi risolutivi. Assieme a loro, i legali Deborah Abate Zaro e Carlo Tabbia, che hanno affermato di non aver dichiarazioni da fare perché «siamo coperti dal segreto istruttorio».
«La famiglia Ceste rinnova a tutti, a cominciare dagli organi di informazione, l’invito a rispettare la persona di Elena nonché il dolore dei familiari, in attesa del risultato ufficiale delle indagini in corso – hanno detto gli avvocati, precisando che i familiari della Ceste – hanno deciso di intervenire attraverso la presentazione di denuncia avanti la competente Autorità Giudiziaria. L’appello al silenzio è rivolto anche al Comitato sorto in difesa di Elena Ceste».
Dello stesso avviso anche il sindaco di Costigliole d’Asti Giovanni Borriero, che a scritto in una lettera pubblica: «Pur condividendo il diritto di cronaca, prego di limitare la pressione mediatica per evitare ricadute negative in particolare per i figli di Elena». Questo non ha impedito ai cronisti di continuare a presidiare la casa che la Ceste condivideva con il marito Michele Buoninconti e i quattro figli.

@ElisaBellardi

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano