20.2 C
Torino
giovedì, 13 Agosto 2020

Dove non arriva la politica, arriva ContestArt

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...
Susanna De Palma
Susanna De Palma
Laureata in Scienze Politiche. Giornalista professionista dal 2009. Fin dagli anni del liceo collabora con alcuni giornali locali torinesi, come la Voce del Popolo e Il Nostro Tempo. Dal 2005, pur mantenendo alcune collaborazioni, passa agli Uffici Stampa:Olimpiadi 2006, Giunta regionale, Ostensione della Sindone. Attualmente giornalista presso l'ufficio stampa del Consiglio regionale Piemonte.

Se in Parlamento il percorso dello Ius Soli appare ancora fermo in un limbo legislativo, non solo per la ferma opposizione delle forze di centrodestra ma anche per le divisioni interne alla maggioranza di governo, sui territori invece se ne continua non solo a parlare ma il tema si trasforma in arte e strumento attraverso cui dare nuova vita ad un bene confiscato.
È il caso del ContestArt, la call per artisti su tema cittadinanza e ius soli che si volgerà a Torino dal 29 novembre al 6 dicembre, al Performing Media Lab, un bene confiscato alla criminalità organizzata nel quartiere di Barriera di Milano, gestito dall’associazione di promozione sociale ACMOS.
«Il progetto di riutilizzo sociale del bene – racconta Diego Montemagno presidente Acmos – è dedicato alla memoria di due vittime di mafia, Peppino Impastato e Mauro Rostagno, e ispirato alla figura e alle opere dello scrittore Emilio Salgari. Il bene, confiscato ad un usuraio, è diventato oggi il Performing Media Lab, un’officina  di riflessione e di azione educativa, attraverso l’organizzazione di mostre, incontri, eventi a forte vocazione sociale. L’idea è quella di realizzare un laboratorio artistico permanente che offra ai giovani la possibilità di avere a disposizione un luogo dove acquisire o sviluppare competenze relative ad alcune tecniche artistiche, avendo accesso al know how di giovani esperti e a macchinari appositi, e di poter esporre i propri elaborati all’interno del bene, implementando così l’offerta culturale del territorio».
L’iniziativa di una call for artist  sul tema dello Ius Soli nasce nel marzo 2018 proprio da un’idea dell’associazione Acmos e il settore eventi e comunicazione delle librerie Feltrinelli di Torino nell’ambito della presentazione del corto “Io sono Rosa Parks”, evento organizzato da “Il razzismo è una brutta storia” e Italiani senza cittadinanza in occasione della giornata mondiale contro il razzismo.
«L’incontro tra arte e tematiche sociali è il cuore del Performing Media Lab, uno spazio in cui l’arte si fa politica – sottolinea Martina Mion responsabile del bene confiscato – il festival contestArt sul tema dello ius soli intende infatti dare un’opportunità a chi lotta quotidianamente per il riconoscimento dei propri diritti di esprimersi e comunicare liberamente il proprio pensiero e le proprie emozioni».
Tanti i temi che saranno trattati, dall’identità all’integrazione culturale, dalla Costituzione Italiana all’Europa, dall’odio all’ironia, sia nella varietà delle forme d’arte e delle tecniche artistiche utilizzate come performance poetiche e interventi musicali, ma anche sculture, stampe e calligrafie. Abbiamo voluto riportare all’attenzione del dibattito pubblico il tema della cittadinanza e dello Ius Soli, attraverso il personale punto di vista di chi vive la condizione di “italiano di seconda generazione” sulla propria pelle, e in generale di tutti coloro che si interrogano sul tema e vogliono contribuire alla riflessione attraverso la propria creatività e il mezzo artistico.
Tra gli artisti che hanno partecipato al Contest, presentando una o più opere: MaramQaisi, RubènDarìo Mainardi, Fedoua El Attari, associazione CreaTOri d’ingegno, collettivo Babazöna, band Diraman, Valerio Perino, Islam Said Mahdy, Pablo Mesa Capella, Benny Nonasky, Manuela Marchisio, Orlando Cristiani, AshtiAbdo, Giacomo Ceste, HalimaHanafi e una classe seconda della Scuola media “V. Alfieri” di Montafia (AT).

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Concorso per dirigenti Comune di Torino, terza puntata: la riammissione

“Più che un concorso sembra una giallo a puntate”, così alcuni concorrenti hanno commentato le novità pubblicate ieri dalla commissione dell’ormai famoso...

Via Germagnano; ‘DemoS’, ‘Torino in Comune’ e ‘LUV’: “Nessun blitz ferragostano, il Comune si assuma la responsabilità”

“‘DemoS’, ‘Torino in Comune’ e ‘LUV’ esprimono forte preoccupazione riguardo all’iniziativa di sgombero del campo di via Germagnano che coinvolge circa 100...

Il pasticcio dei Voucher scuola della Regione Piemonte

Avevano appena ricevuto la mail che confermava l'assegnazione dei voucher scuola per l'anno 2020/21 ma 45 famiglie piemontesi hanno potuto gioire ben...

Torino città Covidless

La città di Torino ha ricevuto oggi l'attestazione Covidless Approach&Trust. Un riconoscimento frutto del progetto di ricerca che ha analizzato le risposte...

Caso Embraco, Cirio: “Da parti in causa serve risposta chiara”

"Seguo la vicenda Embraco ormai da due anni ed è inammissibile che solo oggi, per la prima volta, si siano trovati seduti...