24 C
Torino
venerdì, 19 Luglio 2024

Domenica ecologica, il centro storico diventa pedonale per un giorno

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

A Torino torna la domenica ecologica e il centro storico diventa completamente pedonale per un giorno. Domenica 5 ottobre, dalle 10 alle 19, nel cuore della città non saranno ammesse auto, ma solo bici, mezzi pubblici, taxi e naturalmente pedoni. Le uniche macchine che potranno circolare saranno quelle autorizzate. Per chi sgarra arriveranno 84 euro di multa. Ad essere interessata dall’iniziativa sarà la zona Ztl, ovvero le vie che vanno da corso Regina a corso San Maurizio, da corso Vittorio Emanuele II a corso Palestro e Valdocco. La giornata, del resto, sarà ricca di iniziative, con Portici di carta per le vie, un tendone in piazza San Carlo che ospiterà nomi illustri della letteratura e numerose dimostrazioni sportive organizzate dalla Uisp.
In questa edizione della domenica ecologica i controlli saranno numerosi, con 100 volontari (associazioni e carabinieri in congedo) che presiederanno i 37 posti di blocco della Ztl. Saranno presenti anche decine di squadre di vigili. Bus e tram Gtt saranno potenziati, i taxi offriranno piccoli sconti. Massima organizzazione, insomma, all’insegna dell’efficienza. Per questo l’assessore all’Ambiente Enzo Lavolta ha convocato vigili, tecnici della Viabilità, Gtt, società del Bike e del Car sharing e cooperative di Pronto Taxi. «Sono convinto che non ci saranno disagi. L’invito è abbandonare per un giorno l’automobile – ha detto – Dobbiamo viverla non come un’occasione di chiusura al traffico, ma di apertura di un pezzo della città a tutti, a un’altra velocità».
Del resto, la giornata potrà essere vista come un’anticipazione della chiusura alle auto di via Roma da piazza Castello e piazza San Carlo, in programma non prima dell’anno prossimo. «Molte trasformazioni vengono percepite come una forzatura, qui si vuole condividere il cambiamento, in modo sereno e partecipato» conclude Lavolta.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano