21.6 C
Torino
sabato, 13 Luglio 2024

Davide Gariglio è il nuovo segretario del Partito Democratico piemontese

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Davide Gariglio è il nuovo segretario del Partito Democratico piemontese. Il candidato renziano, favorito alla vigilia delle primarie, vince senza sbancare, in elezioni quasi ignorate dai cittadini, contro la cuperliana Gianna Penteneroe il candidato dell’area Civati Daniele Viotti. I risultati, non ancora definitivi ovunque, parlano del 55% delle preferenze, che corrispondono a 215 delegati su 400.
Gariglio, consigliere regionale e ex presidente dell’assemblea legislativa piemontese, è stato il più votato in sei delle otto province piemontesi: Cuneo, Vercelli, Verbania, Novara e Alessandria e Torino. Nel capoluogo subalpino hapreso 3085 preferenze, ovvero il 59%, lasciando indietro la Pentenero, con 1543, e Viotti, con 526.
Ciò che colpisce davvero, però, come detto, è la bassa affluenza alle urne. Voto più voto meno, sarebbero circa 20 mila i partecipanti alla tornata elettorale,mai così pochi alle primarie e solo il 20% di chi lo scorso 8 dicembre ha dato la propria preferenza al segretario Matteo Renzi. Numeri desolatamente bassi,che parlano chiaro, dal momento che così poche persone corrispondono in pratica solo a iscritti al Pd e simpatizzanti storici.
Un «plateale flop» che l’ex deputato del Pd Giorgio Merlo definisce «ampiamente previsto e scontato» e con «un solo elemento positivo». «Adesso i pasdaran e i fanatici delle primarie avranno qualche difficoltà – continua – ad invocarle e a pretenderle anche per la scelta del candidato a Presidente della Regione Piemonte del centro sinistra. Anche i plateali flop, a volte, possono essere utili e istruttivi».
Il risultato di oggi, in ogni caso, non influisce sul candidato del centrosinistra alle elezioni regionali del 25 maggio, dal momento che, come è noto, la coalizione ha già scelto come proprio cavallo di battaglia l’ex sindaco Sergio Chiamparino.
 
©RIPRODUZIONE RISERVATA
 
 
 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano