24.9 C
Torino
sabato, 13 Luglio 2024

Crolla il tetto della vecchia stazione di Porta Susa

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Una grossa parte del tetto della vecchia stazione ferroviaria di Porta Susa, a Torino, abbandonata da tempo, è crollata questa mattina. Sul posto i vigili del fuoco e la polizia. Tra le prime ipotesi sulle cause c’è la forte pioggia caduta nei giorni scorsi sul capoluogo piemontese. L’acqua potrebbe aver indebolito la struttura, come ha spiegato sul posto il dirigente della protezione civile Bruno Digrazia, che ha parlato di “cedimento strutturale”, dovuto alle infiltrazioni. Intanto procedono le operazioni di messa in sicurezza dell’area.
Al momento non si hanno notizie di persone coinvolte nel crollo ma in azione ci sono anche le unità cinofile per appurarlo. L’ ex stazione era infatti diventata rifugio di alcuni senza fissa dimora.”In questo momento – spiega Federico Passeri, dei Vigili del fuoco – siamo ancora nella fase di ricerca. Dalle informazioni che ci sono state date in collaborazione con la polizia abbiamo contattato le persone senza fissa dimora che vivevano qui e sembrerebbe che fossero usciti tutti quanti questa mattina”.

Continuano anche le operazioni dei vigili del fuoco per la rimozione delle travi e macerie. Tutte le precauzioni di sicurezza sono adottate a causa del pericolo di ulteriori cedimenti. E’ necessario completare lo sgombero dei detriti per escludere la presenza di persone coinvolte. Il sindaco, Stefano Lo Russo, si è recato sul luogo del crollo per parlare con i soccorritori e gli enti impegnati.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano