18 C
Torino
domenica, 14 Luglio 2024

Cremona, assalto fascista al centro sociale Dordoni. Un militante in coma

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Un assalto in stile squadrista e premeditato: non hanno dubbi i militanti del centro sociale Dordoni di Cremona nel descrivere l’aggressione avvenuta nel tardo pomeriggio di ieri da parte di una cinquantina di neofascisti riconducibili a CasaPound.
Tutto è accaduto poco dopo le 18, a conclusione del derby Cremona-Mantova, occasione, questa, che sembra essere stata usata come pretesto dai fascisti per far confluire sul posto militanti di estrema destra provenienti da altre città.
All’interno del centro sociale c’erano 7-8 persone impegnate con lavori nello spazio, quando un primo gruppo di una decina di fascisti ha dato il via all’assalto, raggiunti poco dopo da altri 40, tutti armati di spranghe e bastoni.
Un militante del Dordoni di 49 anni, noto per la sua partecipazione alle lotte cremonesi, è stato violentemente colpito alla testa dai fascisti e da ieri sera si trova in ospedale, in coma farmacologico con una grave emorragia cerebrale. A quanto riferiscono i suoi compagni, prima che riuscissero a trarlo in salvo e chiamare i soccorsi i neofascisti si sono accaniti con calci sul suo corpo già a terra.
E all’indomani dell’episodio, le critiche vengono rivolte anche all’operato delle forze dell’ordine intervenute durante l’assalto, che si sarebbero limitate a identificare gli autori dell’aggressione per poi lasciarli andare, caricando successivamente i militanti del centro sociale che difendevano il proprio spazio, così da permettere la fuga al gruppo di neofascisti.
La notizia è in breve diventata virale sui social newtork e in seguito all’assalto diverse decine di antifascisti e militanti dei centri sociali di altre città hanno immediatamente raggiunto il Csa Dordoni: in un’assemblea serale hanno lanciato l’appello per un corteo antifascista nazionale a Cremona per questo sabato.
Manifestazioni e presidi dislocati nelle singole città sono previsti invece già per la giornata di oggi: a Torino l’appuntamento è stato dato dal Network Antagonista Torinese per le 17 di fronte alla sede universitaria di Palazzo Nuovo.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano