15.8 C
Torino
domenica, 26 Giugno 2022

Coronavirus, rimborso per gli abbonamenti GTT

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Si è svolta oggi in aula la votazione della mozione a prima firma la Consigliera Comunale Federica Scanderebech che chiede forme di rimborso per gli abbonamenti GTT.

Dichiara la Consigliera Federica Scanderebech: “Al fine di contenere e contrastare la diffusione del Covid-19 sull’intero territorio nazionale il Governo ha adottato dal mese di febbraio una serie di misure sempre più restrittive che regolamentano l’uscita di casa e i conseguenti spostamenti, permessi solo per comprovati motivi previsti dai decreti. Così, chi aveva sottoscritto abbonamenti mensili o annuali con Gtt, con pagamento anticipato e scadenza prestabilita, si è ritrovato a non utilizzarli, tra questi tantissimi studenti impossibilitati ad uscire dalla chiusura di scuole e università ed altrettanti numerosissimi lavoratori e cittadini. Ben 8000 torinesi, tramite il Movimento Consumatori, Codacons e Tutelattiva, hanno dunque chiesto al Comune ed all’azienda di trasporto pubblico il rimborso per i mesi non utilizzati. Tenendo presente che saranno molti di più quelli che dovranno essere rimborsati in quanto gli abbonamenti sottoscritti ammontano a 100mila utenti, di cui 30 mila ordinari e 60 mila studenti”.

Continua Scanderebech: “Per cercare di risolvere il problema ho presentato lo scorso 10 aprile una mozione in cui sostanzialmente si impegnava la Sindaca e la Giunta a farsi promotori presso GTT e AMP affinché siano valutate forme di indennizzo (rimborso o proroga della validità) per studenti, lavoratori o semplici cittadini che, a causa delle direttive emanate dal Governo non hanno potuto utilizzare i propri abbonamenti nel periodo dell’emergenza coronavirus. Attività peraltro già perseguita da altre realtà di trasporto pubblico quali Ferrovie dello Stato e Italo”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano